"Nel 2006-2010 picco di tumori a Brindisi e San Pietro Vernotico"

Comunicazione dei ricercatori brindisini al convegno nazionale dei registri tumori in corso a Catanzaro sulle patologie incidenti nell'Area di elevato rischio ambientale (Aera)

BRINDISI - I ricercatori del Registro Tumori Asl Brindisi e del Centro di Riferimento del Registro Tumori Puglia (Ardizzone A., Bisceglia L., De Lorenzis L.E., Epifani S., Lotti F., Pagliara M.C., Rashid I., Spagnolo G.) nella loro comunicazione al XXI Congresso Nazionale del'Associazione Italiana dei Registri Tumori (AIRTUM) in svolgimento a Catanzaro dal 5 al 7 aprile, hanno segnalato per il periodo 2006-2010 una maggiore incidenza dei tumori nell'Area ad elevato rischio ambientale (Aera) che comprende i territori di Brindisi, San Pietro vernotico, Torchiarolo e Carovigno, ma con riferimento specifico al capoluogo e a San Pietro.

Lo fa sapere l'associazione Salute Pubblica, precisando che l'eccesso significativo di neoplasie è in relazione al resto della provincia, e comprende mesoteliomi, tumori dello stomaco e tumori maligni della vescica negli uomini; e tumori al polmone, encefalo e Snc (sistema nervoso centrale) benigni nelle femmine, inoltre di tutti gli tumori e per i tumori della pelle non melanomi in entrambi i sessi.

"Considerando i singoli comuni dell'Aera - prosegue la comunicazione dei ricercatori - si evidenziano eccessi significativi di casi incidenti a San Pietro Vernotico, per i tumori dei reni, maligni della vescica, polmone, per tutti i tumori (escluso pelle, non melanomi) non melanomi ed encefalo ed altro Snc non maligni, nei maschi e a Brindisi per leucemia linfatica cronica nei maschi, e per tumore polmonare, corpo dell'utero, mammella nelle femmine; per tutti i tumori, tumori della pelle, non melnocitico e tumori dell'encefalo e Snc non maligni, in entrambi i sessi. Non si riscontrano eccessi significativi, rispetto al resto della provincia, negli altri comuni dell'Aera."

Lo studio conclude che "dei quattro comuni dell'Aera i comuni di Brindisi e San Pietro Vernotico nostrano un eccesso significativo di incidenza, negli anni 2006-2010, di alcune sedi tumorali rispetto al resto della provincia, non compresa nell'Aera"
Si tratta del primo report di dettaglio del Registro Tumori Puglia all'interno della provincia di Brindisi. I precedenti rapporti, infatti, hanno riguardato l'intera provincia ed il capoluogo.

Il dato indica chiaramente che i tumori registrati dal 2006 al 2010, il primo quadriennio di attività del registro, sono significativamente in eccesso nell'Area a rischio, nel capoluogo e a S.Pietro Vernotico rispetto al resto della provincia. Questo primato dell'Aera e del capoluogo, dice Salute Pubblica, era già noto per quanto riguarda la mortalità per tutte le cause e per tumori fin dagli anni '80. Adesso la conferma viene anche dal Registro Tumori, che studia, invece, i nuovi casi di tumore, cioè, quelli incidenti.

Vi è da chiedersi a cosa sia da attribuire la causa di questi eccessi, si chiede l'associazione, se non alla ragione stessa per la quale è stata costituita per legge l’Area ad elevato rischio ambientale di Brindisi: cioè la presenza di un polo chimico, energetico ed aeronatico fin dagli anni '60. Un tassello "epidemiologico" questo che si aggiunge agli altri già noti e che deve essere tenuto in considerazione nell'incontro per la definizione dell'Aia per la centrale Enel di Cerano che si terrà il 12 aprile prossimo a Roma, chiede Salute Pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

  • Coronavirus, alto il numero dei decessi in Puglia: sono 52

Torna su
BrindisiReport è in caricamento