rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca San Vito dei Normanni

Traffico di rifiuti dalla "terra dei fuochi" al Salento: chiesto il processo per 44 persone

Seicento tonnellate di spazzatura sarebbero state stoccate tra Lecce, Surbo e nel Tarantino per poi essere bruciate o interrate

LECCE - La Procura ha tirato le somme nel procedimento “All black” che, lo scorso maggio, portò allo scoperto un traffico illecito di rifiuti dalla “terra dei fuochi” al Salento: 600 tonnellate di spazzatura sarebbero state stoccate tra Lecce, Surbo e nel tarantino per poi essere bruciate o interrate.

Il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Lecce Milto Stefano De Nozza, che ha condotto le indagini per tre anni con i carabinieri del Nucleo operativo ecologico e la Guardia di Finanza di Taranto, ha chiesto il processo per tutti e 44 gli indagati, residenti in diverse città di Italia, e per la società campana N.d.n. Ecorecuperi srl, produttrice di rifiuti, che secondo gli accertamenti avrebbe risparmiato costi per lo smaltimento pari a 100mila euro.

Si tratta di: Dario Anatrella, 52 anni, di Napoli, Abramo Argese, 56, di Palagianello (Taranto), Sergio Boi, 59, di Roma; Biagio Campiglia, 42, di San Pietro Al Tanagro (Salerno); Mauro Castellano, 49, di Taranto; Pasquale Coletta, 67, di Mottola (Taranto); Salvatore Coscarella, 76, di Cosenza; Nestore Coseglia, 55, residente a Marano di Napoli; Davide D’Andria, 50, di Taranto; Vincenzo De Pace, 58, di Taranto; Francesco Diana, 33, di Saracena (Cosenza); Angelo Di Chello, 53, di Gioia Sannitica (Cesa); Luca Di Corrado, 42, di Taranto; Giovanni Di Dio, 40, di San Vito dei Normanni; Annunziata Di Napoli, 57 anni, di Giuliano in Campania (Napoli); Massimiliano Ercole, 48, di Cosenza; Michele Falaschi, 52, di Valentano (Viterbo); Carmine Frascella, 40, di Taranto; Domenico Fusco, 58, di Cavaiano (Napoli); Gianandrea Gagliolo, 60, di Milano; Franco Giovinazzo, 51, di Siderno (Reggio Calabria); Luca Grassi, 48 anni, di Lecce; Vincenzo Iosca, 60, di Modugno (Bari); Giuseppe Lacriola, 41, di Molfetta (Bari); Antonio Li Muli, 51, di Palermo; Claudio Lo Deserto, 66, di Lecce; Salvatore Marotta, 43, di Taranto; Massimo Marra, 39, di Capurso (Bari); Valerio Marra, 58, di Alessano; Oronzo Marseglia, 57, di San Vito dei Normanni; Palmiro Mazzotta, 74 anni, residente a Surbo; Alfredo Messore, 61, di Caserta; Carmine Migliore, 43, di Nola (Napoli); Francesco Pizzolla, 45, di Statte (Taranto); Giuseppe Ratto, 60, residente a Ortisei (Bolzano); Leonardo Santeramo; 37, di Castellana Grotte (Bari); Matteo Scarcia, 35, di Taranto; Roberto Scarcia, 66, di Taranto; Demis Schiavone, 42, di Montemanaro (Avellino); Giovanni Spagnoletti, 44, di Bisceglie (Bari); Francesco Sperti, 57, di Manduria (Taranto); Giovanni Tagliente, 38, di Taranto; Giuseppe Trinchillo, 34, di Acerra (Napoli); Raffaele Venezia, 53, di Avellino.

In particolare, riguardo alla posizione dei tre uomini del Leccese che furono tra i tredici destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice Alcide Maritati (dieci in carcere e tre ai domiciliari): Claudio Lo Deserto è accusato di aver fatto del gruppo che si occupava di ricercare, selezionare e sistemare i siti per l’attività illecita, sovraintendendo anche alle operazioni materiali di sversamento ed abbandono; Luca Grassi è il proprietario del terreno di pertinenza della Masseria Fasani dove finiva parte della spazzatura e che confessò durante l’interrogatorio di garanzia, ammettendo di aver agito così per bisogno di soldi, trovandosi in quel periodo ai domiciliari; Palmiro Mazzotta è indicato come l’uomo che avrebbe messo a disposizione del sodalizio il suo capannone.

L’udienza preliminare per discutere la richiesta di rinvio a giudizio si terrà il 14 giugno.

A difendere gli imputati ci penseranno, tra gli altri, gli avvocati Luigi Covella, Massimo Zecca, Luigi Rella, Salvatore Rollo, Michele Bonsegna, Gabriele Valentini, Ladislao Massari, Francesca Conte, Paolo Marseglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di rifiuti dalla "terra dei fuochi" al Salento: chiesto il processo per 44 persone

BrindisiReport è in caricamento