rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Cronaca Carovigno

Tragedia nelle campagne: un uomo e una donna trovati morti in casa. Si indaga per omicidio

E' accaduto a Serranova, frazione di Carovigno. Sul posto i carabinieri e la Polizia locale

Articolo in aggiornamento continuo

SERRANOVA - I carabinieri hanno lavorato per tutta la notte per cercare di dare una risposta alla tragedia consumatasi nelle campagne di Serranova, frazione di Carovigno, nella serata di mercoledì 1 marzo dove un uomo e una donna sono stati trovati morti in casa. Si tratta di Antonio Calò, 70 anni e la moglie Caterina Martucci, 64 anni. Da quanto accertato si tratta di un omicidio: i due sono stati raggiunti da colpi di arma da fuoco, uno a testa, e in casa non sono state trovate armi. L'ipotesi di un gesto volontario, quindi, è stata scartata sin da subito. Le salme sono state trasferite nell'obitorio del cimitero di Ostuni a disposizione della magistratura, al momento non è dato sapere se verrà eseguita autopsia. La coppia non aveva figli, chi la conosceva descrive Antonio e Caterina come persone umili e buone. 

Sul posto, subito dopo la scoperta, si sono recati i carabinieri del Norm della compagnia di San Vito Dei Normanni, lo stesso comandante Alberto Bruno e i colleghi del Reparto operativo del comando provinciale di Brindisi con il tenente colonnello Raffaele Federico. Gli agenti della Polizia locale di Carovigno, coordinati dal comandante Lorenzo Renna, hanno fornito supporto ai militari piantonando la zona. 

tragedia carovigno

La scoperta dell'omicidio

La zona è stata interdetta con nastro bianco e rosso per permettere agli inquirenti di svolgere le indagini utili a ricostruire la vicenda. Da quanto si apprende l'allarme sarebbe stato lanciato da uno dei fratelli che abita nelle vicinanze. L'uomo nella mattinata non aveva trovato il congiunto al bar così come era sua abitudine fare. Attorno alle 18.30, preoccupato, si era recato a casa della coppia ma bussando alla porta non ha ricevuto risposta, nemmeno chiamando ad alta voce i due. Così ha aperto la porta, che non era chiusa a chiave, scoprendo la tragedia. Da quanto ha riferito, Antonio Calò era sull'ingresso, la moglie in camera da letto. Le luci erano spente, segno che l'omicidio è avvenuto quando era ancora luce. Antonio e Caterina vivevano con una pensione sociale, campavano con pochi soldi e lui svolgeva altri lavoretti per arrotondare, d'estate faceva il parcheggiatore in un locale estivo adibito a sala da ballo. Per chi li conosceva risulta difficile pensare a una rapina finita in tragedia. 

La testimonianza del fratello

Dopo il sopralluogo e la rimozione delle salme l'abitazione è stata posta sotto sequestro. I carabinieri stanno lavorando ininterrottamente per cercare di scoprire chi ha ucciso la coppia ascoltando parenti e amici. Ogni indizio può risultare utile. 

Il video del sopralluogo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia nelle campagne: un uomo e una donna trovati morti in casa. Si indaga per omicidio

BrindisiReport è in caricamento