rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

Tre arresti per furti di energia elettrica: uno da 80mila euro

Furti di energia elettrica scoperti dai tecnici Enel e dai carabinieri e ancora arresti, uno a San Vito dei Normanni e due a Ceglie Messapica, in questo caso nei confronti di una coppia

Furti di energia elettrica scoperti dai tecnici Enel e dai carabinieri e ancora arresti, uno a San Vito dei Normanni e due a Ceglie Messapica, in questo caso nei confronti di una coppia. A San Vito dei Normanni i carabinieri della stazione locale hanno tratto in arresto in flagranza di reato A.C. di 58 anni. I militari, unitamente al personale Enel, hanno accertato che l'uomo, mediante un allaccio abusivo dalla rete pubblica alla propria abitazione, aveva sottratto energia elettrica per circa 80.000 euro. Su disposizione dell'autorità giudiziaria, dopo le formalità di rito, A.C. è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

I carabinieri della stazione di Ceglie Messapica invece hanno tratto in arresto in flagranza di reato F.N. di 45 anni  e d R.T. di 44 anni, conviventi, entrambi del luogo, sempre per furto aggravato. I carabinieri, ance in questo caso a supporto di personale Enel, hanno accertato che la coppia aveva allacciato abusivamente   l’utenza della propria abitazione alla rete di pubblica distribuzione, prelevando energia per un totale non corrisposto in corso di quantificazione. Anche per i due arrestati di Ceglie sono stati disposti gli arresti domiciliari.

E' sulla base di un ordine di carcerazione che, infine, i carabinieri di Cellino San Marco anno arrestato Matteo Altomare di 30 anni. L'uomo deve scontare la pena residua di due anni, tre mesi  e 7 giorni di reclusione per reati in materia di sostanze stupefacenti. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre arresti per furti di energia elettrica: uno da 80mila euro

BrindisiReport è in caricamento