menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Renault Scenic

La Renault Scenic

Tre incidenti in sei giorni, pronta la denuncia

BRINDISI – Tre incidenti in meno di una settimana (da domenica scorsa a sabato). Tutti nello stesso identico punto del raccordo stradale che collega i quartieri Bozzano e Sant'Angelo a La Rosa e Tuturano.

BRINDISI - Tre incidenti in meno di una settimana (da domenica scorsa a sabato). Tutti nello stesso identico punto del raccordo stradale che collega i quartieri Bozzano e Sant'Angelo a La Rosa e Tuturano. Dove il guardrail che costeggia una profonda cunetta è sfondato da diversi mesi, sempre a causa di incidenti. Si tratta di un tratto molto pericoloso, dove non appena l'asfalto diventa viscido i lmezzi a due o quattro ruote diventano incontrollabili e per il quale non sono ancora stati presi provvedimenti.

Tanto meno è stato ripristinato, fatto ancora più grave, il sistema di protezione. Puntualmente si finisce nella cunetta con danni alle auto e spesso anche alle persone. A segnalare la pericolosità di quel tratto di strada questa vlta è un avvocato brindisino Giovanna Mangiatordi, legale di due delle tre persone coinvolte nei sinistri dell'ultima settimana. La professionista è pronta ad andare a fondo alla vicenda. Sembrerebbe, inoltre, che per quel particolare tratto di strada non sia chiara la competenza.

"In un caso sono stati mandati i vigili urbani, in un secondo la polizia provinciale - spiega l'avvocato - il primo incidente si è verificato domenica scorsa, il secondo a metà settimana, un pulmino da dodici posti è finito nella cunetta, ieri mattina, invece, è toccato a un'auto piena di ragazzi. Sempre nello stesso punto. Conosco bene la zona, la frequento giornalmente per questioni famigliari e so che quel guardrail è sfondato da mesi. Nonostante i numerosi incidenti nel corso degli anni, non sono ancora stati presi provvedimenti. Non è una questione di velocità, in quel tratto di strada basta un po' di fanghiglia per perdere il controllo del veicolo".

Gli incidenti sono testimoniati dai vari verbali di sopralluogo delle forze dell'ordine, gli stessi residenti hanno nel tempo segnalato la pericolosità di quel tratto di strada (comunale o provinciale), testimoni visivi della perdita di controllo dei veicoli. Il guardrail sfasciato e non ripristinato, però, rende ancora più pericolosa la percorribilità di quel tratto di strada, a ridosso del bivio che immette sull'ex statale 16, quindi molto frequentato.

"Proporrò ai miei clienti di presentare un esposto in procura per omissione di responsabilità. L'ente a cui appartiene quel tratto di strada fin dal primo danneggiamento del guardrail non si è interessato a ripristinare lo stato dei luoghi. La mia cliente è stata anche multata con 28,70 perchè ha abbattuto un paletto, poi però non si provvede a rimettere la zona in sicurezza. E' arrivato il momento di approfondire la questione prima che gli incidenti che si verificano portino vittime". (Foto Gianni Di Campi)

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento