rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

Incendi, la notte è peggio: meno uomini, e le emergenze restano

Di notte si combatte contro le fiamme come di giorno ormai, ed è anche peggio per i vigili del fuoco perché il personale in campo si riduce dato che non ci sono in quel turno le squadre per gli incendi boschivi

BRINDISI – Di notte si combatte contro le fiamme come di giorno ormai, ed è anche peggio per i vigili del fuoco perché il personale in campo si riduce dato che non ci sono in quel turno le squadre per gli incendi boschivi.

Diventa sempre più pesante e stressante lo stillicidio di interventi in tutto il territorio provinciale, con le distese di sterpaglie che si trasformano in roghi, attaccando uliveti ma anche minacciando infrastrutture importanti, come la scorsa notte, nei pressi dei depositi della Oria Gas.

IL VIDEO

L’impianto è in via Manduria: si tratta di un distributore di gas Gpl e metano in bombole e per serbatoi domestici. Insomma, bisognava assolutamente tenere il fuoco lontano dal sito. Lavoro senza sosta, come di giorno, ma nella caserma di Brindisi dalle 20 il personale scende a 13 unità, delle quali un capoturno e due addetti al centralino.

Con questa forza di 10 uomini si deve coprire l’intero territorio, che comprende – senza considerare le campagne – non poche riserve naturali nazionali e regionali, una grande zona industriale con impianti a rischio, numerosi campeggi e residence. Insomma, le rivendicazioni dei vigili del fuoco italiani su organici e dotazioni sono più che fondate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi, la notte è peggio: meno uomini, e le emergenze restano

BrindisiReport è in caricamento