rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Erchie

Trova la moglie con l'amante, mette mano alla chiave inglese e picchia

ERCHIE - A colpi di chiave a pappagallo tenta di vendicare il proprio onore infangato dall'amante della moglie, ma viene arrestato dai carabinieri per tentato omicidio dopo aver spaccato la testa al rivale. Il regolamento di conti è avvenuto intorno alle 21 di ieri ad Erchie, in via Calvario a 4 passi dal Comune. E' qui che abita il 27enne Giovanni De Tommaso, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con precedenti per droga. L'uomo si trovava in compagnia della moglie di Damiano Carrozzo, 36 anni, con precedenti per detenzione clandestina di armi. La loro relazione pare fosse già nota al coniuge di lei da cinque mesi e quest'ultimo pare, nel che tempo avesse accettato il fatto, ma colto da un raptus di gelosia ha deciso di farsi giustizia.

ERCHIE - A colpi di chiave a pappagallo tenta di vendicare il proprio onore infangato dall'amante della moglie, ma viene arrestato dai carabinieri per tentato omicidio dopo aver spaccato la testa al rivale. Il regolamento di conti è avvenuto intorno alle 21 di ieri ad Erchie, in via Calvario a 4 passi dal Comune. E' qui che abita il 27enne Giovanni De Tommaso, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con precedenti per droga. L'uomo si trovava in compagnia della moglie di Damiano Carrozzo, 36 anni, con precedenti per detenzione clandestina di armi. La loro relazione pare fosse già nota al coniuge di lei da cinque mesi e quest'ultimo pare, nel che tempo avesse accettato il fatto, ma colto da un raptus di gelosia ha deciso di farsi giustizia.

Carrozzo ha impugnato la chiave da idraulico, si è recato nell'abitazione di De Tommaso che ha aperto la porta pensando ad un controllo dei carabinieri, ma si è trovato di fronte il marito tradito che ha subito iniziato a colpirlo, raggiungendolo all'occhio, allo zigomo e alla tempia. Il sorvegliato si è difeso dalla furia del marito geloso tentando di disarmarlo e poi rifugiandosi in casa. Carrozzo avrebbe anche tentato di sfondare la porta a calci senza riuscirci, mentre sopraggiungevano i carabinieri - guidati dal maresciallo Michele Bisazza - che lo hanno ammanettato, su disposizione del pm di turno Raffaele Casto, per l'accusa di tentato omicidio. A pesare come aggravante l'intenzionalità del gesto. Ricoverato in ospedale il ferito è stato giudicato guaribile in 12 giorni.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trova la moglie con l'amante, mette mano alla chiave inglese e picchia

BrindisiReport è in caricamento