menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La tomba di Mira Montinaro (Foto LeccePrima)

La tomba di Mira Montinaro (Foto LeccePrima)

Trovata salma di Mira Montinaro

CAMPI SALENTINA – Trovata la salma di Mira Montinaro, la ventisettenne deceduta 12 anni fa a causa di un aneurisma celebrale, e il cui feretro era stato trafugato dal cimitero comunale di Campi Salentina nella notte tra l'11 e il 12 dicembre scorsi. La bara bianca è stata trovata nella tarda serata di ieri dai carabinieri, era stata nascosta dietro a una lastra di marmo nell'area del camposanto. Non è mai stato chiesto alcun riscatto

CAMPI SALENTINA - Trovata la salma di Mira Montinaro, la ventisettenne deceduta 12 anni fa a causa di un aneurisma celebrale, e il cui feretro era stato trafugato dal cimitero comunale di Campi Salentina nella notte tra l'11 e il 12 dicembre scorsi. La bara bianca è stata trovata nella tarda serata di ieri dai carabinieri, era stata nascosta dietro a una lastra di marmo nell'area del camposanto. Non è mai stato chiesto alcun riscatto.

La giovane Mira era figlia di Antonio Montinaro, uno dei soci della Monticava Group di Campi, di cui fanno parte diverse aziende tra cui la Monteco, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti nel Brindisino, il cui amministratore è il fratello Mario e il direttore del cantiere di Brindisi è il nipote Emanuele.

La mattina del 12 dicembre scorso il custode del cimitero di Campi Salentina trovò la tomba di famiglia aperta, mancava la bara della giovane Mira. Le ricerche furono avviate subito, per due mesi tutta la comunità di Campi si è stretta intorno al rinnovato dolore della famiglia Montinaro, fu anche organizzata una fiaccolata. Il papà la mattina della sconcertante scoperta fu colto da malore, tanto fu lo shock nel trovare il loculo che ospitava la bara della figlia vuoto.

I militari della compagnia dei carabinieri di Campi Salentina, però, non hanno mai smesso di cercare quella bara bianca. Fin da subito è stato accertato che il feretro non aveva mai lasciato il cimitero. Le ricerche si sono protratte per due lunghi mesi, incessantemente, ogni angolo del camposanto è stato controllato fino a quando ieri sera la sorpresa, la bara di Mira era nascosta dietro a una lastra di marmo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento