Trovati con tubi per l’irrigazione oggetto di furto: denunciati

Nei guai un 38enne di San Donaci e un 44enne di origine albanese residente a Mesagne

CELLINO SAN MARCO - Trovati in possesso di tubi in plastica per l’irrigazione oggetto di furto, denunciati un 38enne di San Donaci e un 44enne di origine albanese residente a Mesagne.

Nella mattinata di ieri, a seguito di mirata perquisizione operata dai carabinieri della stazione di Cellino San Marco all’interno di un casolare rurale sito in contrada Angelini del Comune di Brindisi, di proprietà del 38enne e in uso al 44enne, sono stati rinvenuti 47 tubi in plastica della lunghezza di 200 metri ognuno, utilizzati per l’irrigazione di terreni agricoli, di proprietà di un 66enne di Cellino San Marco, che aveva presentato denuncia di furto lo scorso 1° maggio. La refurtiva, riconosciuta, è stata restituita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento