Trovato aperto nonostante il divieto: sigilli a circolo privato

I militari identificarono cinque avventori, pregiudicati e sprovvisti di autocertificazione, più il titolare

BRINDISI – Chiuso per 30 giorni un circolo privato di Brindisi che il 20 marzo scorso fu trovato aperto nonostante il divieto imposto dal Governo nell’ambito delle misure anti-contagio da Covid-19. Il provvedimento è stato emesso da Questore di Brindisi dopo l’intervento dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Brindisi.

Il controllo dei militari fu eseguito dopo una segnalazione al 112 sulla presenza di persone assembrate all’interno del locale. I militari identificarono cinque avventori, pregiudicati e sprovvisti di autocertificazione, più il titolare, intenti a consumare birra, in violazione alle prescrizioni e ai divieti previsti dai decreti governativi concernenti le misure volte al contrasto e contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus Covid –19. Fra questi anche un soggetto in atto sottoposto agli arresti domiciliari.

L’esercizio, pertanto, oltre a costituire abituale ritrovo di pregiudicati dediti alla consumazione di bevande alcoliche, nel caso specifico è divenuto pericolo per la diffusione del contagio del Covid –19, quindi per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento