rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Trovata auto usata per le spaccate: in carcere un brindisino

Un 26enne di Brindisi è stato arrestato per riciclaggio: trovata in suo possesso una delle Audi rapinate a giugno scorso a Mesagne e una macchinetta cambiasoldi rubata la notte precedente a Maglie (Le)

BRINDISI – Si fa sempre più chiaro il quadro della rapina compiuta nella notte tra il 19 e il 20 giugno scorso a Mesagne dove un autotrasportatore bulgaro alla guida di una bisarca carica di Audi fu rapinato da una banda composta da cinque uomini. Una delle Audi è stata trovata nel garage in uso a un brindisino che è stato arrestato per riciclaggio e dagli accertamenti emerge che il veicolo dopo la rapina è stato utilizzato per commettere furti con spaccate nelle province di Lecce e Brindisi. Uno degli ultimi risale al 22 novembre scorso a Lecce nell’ambito del quale un 19enne di Brindisi rimase lievemente ferito da un colpo di arma da fuoco.

La persona finita in manette nella serata di venerdì 27 gennaio è il 26enne Alessandro Argento, l’arresto è stato operato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Brindisi diretti rispettivamente dal tenente Luca Colombari e dal capitano Luca Morrone, impegnati in un costante controllo del territorio finalizzato al contrasto di reati prevalentemente di spaccio, furti e rapine.

audi bisarca-3

I militari dell’Arma brindisina sono finiti in un garage in contrada Villanova nell’ambito delle indagini avviate dopo un furto compiuto tra giovedì e venerdì a Maglie (Le) in un bar sala giochi dove è stata asportata una macchinetta cambiasoldi. Il garage è intestato a quattro fratelli ma utilizzato anche dal 26enne Alessandro Argento, loro parente. I carabinieri brindisini, allertati da movimenti sospetti intorno a quella rimessa, nella serata di ieri hanno eseguito un sopraluogo nel garage e oltre alla macchinetta rubata la sera precedente hanno trovato l’Audi Rs3 oggetto di rapina all’autotrasportatore bulgaro.

Si trattava di veicoli, quattro in tutto, che partiti dalla Germania dovevano raggiungere la pista di Nardò (Le) per essere sottoposti a collaudo  La macchinetta era ancora nel bagagliaio dell’Audi, nell’abitacolo c’erano anche indumenti e attrezzi da scasso, si ritiene utilizzati per le recenti spaccate. Sul mezzo è stata rinvenuta anche una targa posteriore italiana, appartenente a una Fiat Punto, risultata smarrita dal legittimo proprietario.

audi bisarca1-2

Intanto Alessandro Argento, agricoltore con una pena sospesa per rapina, è finito in manette con l’accusa di riciclaggio ed è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi. Il ritrovamento di ieri apre nuovi scenari sugli avvenimenti dell’ultimo periodo che riguardano i furti con spaccate tra Brindisi e Lecce. In mano agli investigatori ci sono diversi elementi che fanno pensare che dietro a molti episodi, la rapina del 20 giugno in primis, ci sia la stessa banda. La bisarca fu ritrovata nelle campagne mesagnesi il giorno successivo alla rapina. Una delle Audi che trasportava compare sulla scena di numerosi colpi ai danni di attività commerciali del Leccese e ora è stata trovata a Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovata auto usata per le spaccate: in carcere un brindisino

BrindisiReport è in caricamento