menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trovato con cocaina hascisc e marijuana in casa, arresto convalidato

Ha ammesso ogni addebito il 22enne Brindisino, Marco Paolo Bagnato, arrestato sabato scorso in flagranza di reato dai carabinieri perché trovato con cocaina, hashish e marijuana suddivisa in dosi

BRINDISI – Ha ammesso ogni addebito il 22enne Brindisino, Marco Paolo Bagnato, arrestato sabato scorso in flagranza di reato dai carabinieri perché trovato con cocaina, hashish e marijuana suddivisa in dosi. Nella mattinata di oggi, martedì 22 dicembre, è stato ascoltato, affiancato dal suo legale di fiducia, l’avvocato Paolo D’Amico, dal giudice per le indagini preliminari Giuseppe Licci che ha convalidato l’arresto disponendo la misura cautelare dei domiciliari. Il pubblico ministero aveva decido per il trasferimento in carcere in attesa dell’interrogatorio di convalida.

Marco Paolo Bagnato è finito in manette sabato scorso quando i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Brindisi gli notificarono un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per spaccio e tentata estorsione: era stato accertato che il giovane vendeva droga a minorenni nel parco Cesare Braico e davanti all’istituto alberghiero Sandro Pertini che si trova nel parco stesso. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri aveva anche costretto un 13enne a vendere droga e a rubare denaro, oro e altri beni preziosi ai propri genitori, sotto la minaccia di possibili ritorsioni, il tutto al fine di ripagare un debito di droga. Quando i militari si sono recati in casa sua per arrestarlo hanno trovato altra droga suddivisa in dosi. Per i fatti riguardanti lo spaccio nel parco e davanti la scuola sarà ascoltato nella mattinata di domani dal giudice per le indagini preliminari Stefani De Angelis.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento