menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Truffa antiracket”: otto patteggiamenti, disposta la confisca

Tra gli imputati che hanno concordato la pena, un avvocato e l’ex collaboratrice della presidente

BRINDISI – Otto patteggiamenti a chiusura dell’inchiesta sull’associazione Antiracket e sull’apertura degli sportelli a Brindisi, Taranto e Lecce, rispetto ai quali la Procura contesta l’esistenza di un sodalizio finalizzato alla truffa, con a capo la presidente Anna Maria Gualtieri, arrestata lo scorso mese di maggio.

Il concordato della pena è strada processuale scelta, tra gli altri, dall’ex collaboratrice della presidente, Serena Politi, e da un avvocato che avrebbe dovuto seguire le pratiche antiracket, Chiara Manno: nel primo caso il conteggio è stato chiuso a quattro anni di reclusione, mentre per il legale a un anno e quattro mesi.

Hanno ottenuto il patteggiamento anche: Stefano Maria Laudisa a un anno e dieci mesi; Maria Teresa Perrone a un anno e otto mesi; Michele Pasero a un anno e otto mesi; Ubalda Levante a un anno e otto mesi; Costantina Sanghez a un anno e otto mesi; Salvatore Fiorentino a un anno e quattro mesi.

L’udienza si è svolta davanti al gup del Tribunale di Lecce, Alcide Maritati, alla presenza dei pubblici ministeri titolari del fascicolo d’inchiesta Roberta Licci e Massimiliano Carducci. Il gu, inoltre, ha disposto la confisca delle somme e dei beni già sottoposti a sequestro, corrispondenti al profitto del reato contestato in relazione alle somme riconosciute dal Governo ai diversi imputati in qualità di collaboratori e addetti agli sportelli dell’associazione.

Tre imputati hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato: Cristina Colella, avvocato, e Salvatore Laudisa, responsabile del settore Finanziario del Comune di Lecce, e F. V. La presidente Gualtieri, Pasquale Gorgoni funzionari dell’ufficio Patrimonio del Comune di Lecce, Giuseppe Naccarelli, responsabile dell’ufficio Ragioneria dell’Ente locale e Attilio Monosi, ex assessore al Bilancio dell’Amministrazione cittadina, saranno giudicati con rito ordinario.

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati: Paoloantonio D’Amico, Paolo Spalluto, Lavinia Gala, Francesco Vergine, Francesco Spagnolo, Maro Castelluzzo, Vincenzo Magi, Cesario Del Cuore e Giuseppe Milli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento