menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 Guardia di Finanza

Guardia di Finanza

Truffe coop casa: indagati legale e costruttori

BRINDISI - I complessi edilizi si chiamano Federica, Chiara, hanno nomi di donna e si trovano al Casale e al Sant'Elia di Brindisi. A monte pare ci sia una truffa, compiuta in associazione da tre imprenditori e un avvocato di Brindisi in danno di 46 acquirenti, soci delle stesse coop.

BRINDISI - I complessi edilizi si chiamano Federica, Chiara, hanno nomi di donna e si trovano al Casale e al Sant'Elia di Brindisi. A monte pare ci sia una truffa, compiuta in associazione da tre imprenditori e un avvocato di Brindisi in danno di 46 acquirenti, soci delle stesse coop. I finanzieri hanno eseguito oggi un decreto di sequestro preventivo di beni per un milione di euro a carico dei quattro indagati che rispondono di appropriazione indebita.

Secondo l'accusa Promettevano case a basso costo, poi il prezzo cresceva in itinere, durante i lavori di realizzazione. E aumentava anche di 70 mila euro sull'importo pattuito. I benefici, andavano attraverso a una società esterna, proprio ai tre imprenditori e all'avvocato, soci delle stesse coop.

Secondo quanto accertato di finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Brindisi gli indagati dal 1999 in poi, occupandosi della realizzazione di complessi edilizi nei rioni Casale e Sant'Elia di Brindisi, che ricoprivano anche cariche sociali all'interno delle cooperative, grazie all'interposizione "cartolare" di una società a loro riconducibile, aumentavano illecitamente il proprio profitto creando costi "fittizi", puntualmente addebitati agli ignari soci, che vedevano, così, lievitare (di oltre il 20 per cento) il prezzo delle loro abitazioni.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento