menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tuffo 2013

Il tuffo 2013

"Tuffo di Capodanno": 120 contro la pioggia

BRINDISI – Dovrebbero essere più di 120, ma ci sarà pioggia e questo potrebbe far recedere qualcuno, gli impavidi che a Capodanno si sfideranno le acque gelide della Conca di Brindisi, zona Sciaia, per la quinta edizione del tuffo in mare dell’1 gennaio.

BRINDISI - Dovrebbero essere più di 120, ma ci sarà pioggia e questo potrebbe far recedere qualcuno, gli impavidi che a Capodanno si sfideranno le acque gelide della Conca di Brindisi, zona Sciaia, per la quinta edizione del tuffo in mare dell'1 gennaio. Le richieste di iscrizione arrivano senza sosta a due dei principali promotori, Gino Crastolla e Pino De Vincientis dell'associazione "Amici della Conca", di un evento diventato ormai un classico della tradizione brindisina.

Al "Tuffo di Capodanno", sfida resa più ardua dal tempo inclemente, si uniranno tre famiglie al completo (i signori De Santis e Daini con rispettivi mogli e figli al seguito e i fratelli Remo, Costantino e Mario D'Accico), tanti padri accompagnati dai figli, un 77enne, due bambini di 8 e 7 anni e persone di ogni età e classe sociale. Non solo brindisini, ma anche persone provenienti da tutta la Puglia e da varie regioni d'Italia. Le donne, appena una decina, ancora scarseggiano, ma gli organizzatori sono certi che la pattuglia femminile verrà rimpolpata la mattina stessa dell'1 gennaio.

Prima e dopo il tuffo, vi saranno iniziative all'insegna dell'intrattenimento garantite da "Summer Time - Animazione & Spettacolo", ViviTutto.it e Radio Ciccio Riccio. La manifestazione avrà inizio alle 10,30 con l'introduzione del presentatore, Nico Lorusso. Alle 10 e 45, don Antonio Randino officerà la cerimonia di benedizione delle acque. Seguiranno l'intrattenimento musicale, la consegna riconoscimenti speciali, la chiusura della raccolta delle adesioni per l'estrazione di premi e gadget destinati a tuffatori e pubblico.

Alle ore 11, il tanto atteso momento del tuffo. Dulcis in fundo, estrazione e brindisi finale. Tutto questo avverrà in una cornice di massima sicurezza garantita dal personale 118, dai vigili del fuoco del comando di Brindisi, presenti a terra e in mare con una moto d'acqua, e dai vigili urbani. In caso di mare mosso, il tuffo verrà effettuato all'interno della diga di Bocche di Puglia. E' tutto pronto, insomma, per una mattinata all'insegna del divertimento e della goliardia, con importanti risvolti benefici, visto che i proventi dell'iniziativa verranno devoluti ai progetti di Radioterapia dell'ospedale Perrino di Brindisi.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento