Vandalizzano castello: tre turisti minorenni incastrati dalle telecamere

Denunciati due francesi e un inglese in vacanza a Ceglie Messapica con le famiglie. La notte del 18 agosto, dopo un tour fra i locali della movida, si sono introdotti nell'edificio medievale. Indagini lampo della polizia locale

CEGLIE MESSAPICCA – Dopo un tour fra i locali della movida hanno deciso di chiudere la notte “in bellezza”, vandalizzando il castello medievale di Ceglie Messapica. Ma grazie alla segnalazione di alcuni cittadini e alle telecamere di sicurezza, gli incivili sono stati identificati in meno di 24 ore dalla polizia locale di Ceglie Messapica al comando di Cataldo Bellanova e quindi denunciati. 

Si tratta di tre turisti minorenni, due di origine francese e uno di nazionalità inglese, in vacanza a Ceglie insieme alle rispettive famiglie. Intorno alle ore 4,30 di domenica 18 agosto, dopo aver trascorso la notte fra piazza Plebiscito e le vie limitrofe, i tre si sono introdotti nel castello, sono saliti su una delle torri scalando le impalcature presenti per il restauro dell’immobile storico e successivamente, forse solo per gioco o per noia, hanno rotto tutti i vasi di fiori presenti sulla scalinata di accesso alla biblioteca, un vetro di una finestra, alcune sedie ivi presenti e la manichetta antincendio situata sulla parete interna.

Raid vandalico castello Ceglie Messapica  5-2

Purtroppo per loro sono stati notati da alcuni cittadini, i quali immediatamente hanno allertato il personale reperibile della polizia locale. A stretto giro sono stati esaminati i filmati delle telecamere di videosorveglianza comunale, che avevano immortalato le imprese dei predetti e tutto il percorso effettuato a piedi dagli stessi per andare via.

Da alcuni particolari emersi durante le indagini e dalle segnalazioni ricevute dai cittadini, si è appurato che gli autori della bravata erano stranieri in vacanza presso uno dei tanti B&B sparsi sul territorio comunale. Nella notte di oggi, verso le ore 02,15 circa, i tre minorenni sono stati notati presso un locale del centro storico e segnalati alla polizia locale.

In pochi minuti, il personale reperibile unitamente al comandante ha raggiunto il locale identificando ed accompagnando i tre minori presso il comando, per il di più a praticarsi. Contattati i genitori, ed in loro presenza, i tre ragazzi sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il tribunale dei minorenni di Lecce per danneggiamento aggravato su immobili e manufatti di notevole interesse storico. Ovviamente se l’amministrazione deciderà di procedere nei loro confronti, saranno denunciati anche per invasione di edifici pubblici.

Il comando di polizia locale ringrazia i cittadini che, con la loro collaborazione, hanno permesso di individuare e punire i colpevoli di queste azioni incivili e riprovevoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento