Sequestrato furgone con rifiuti metallici e plastiche. Una denuncia

Il mezzo intercettato presso Tuturano dai carabinieri forestali del Niaaf. Di Francavilla Fontana il conducente

TUTURANO – Un furgone cassonato carico di rottami metallici e plastiche è stato fermato e sequestrato da una pattuglia del Nipaaf, il nucleo investigativo dei carabinieri forestali, nei pressi di Tuturano. Il conducente del mezzo, C.G. di 64 anni di Francavilla Fontana, è stato denunciato per gestione non autorizzata di rifiuti.

L’episodio si inquadra nelle attività di contrasto, da parte dei carabinieri forestali del comando provinciale di Brindisi, al “trasporto selvaggio di rifiuti, fenomeno diffuso in gran parte della provincia (e che solitamente è seguito dallo smaltimento in campo)”, si specifica in un comunicato.

Questo episodio, dicono i carabinieri forestali, “ha posto in luce come taluni trasportatori abusivi si spostino dalla Città degli Imperiali (Francavilla Fontana, ndr), dove risiedono diverse attività di recupero di materiali ferrosi, fino a circa 50 chilometri di distanza per conquistare ‘fette di mercato’ nella gestione illecita di rifiuti”.

Al momento del controllo, il trasportatore non ha esibito ai militari del Niaaf alcun documento di accompagnamento (in particolare il formulario di identificazione dei rifiuti, strumento imprescindibile per la tracciabilità degli stessi), né il documento comprovante l’ iscrizione del mezzo alla Sezione regionale dell’ Albo nazionale dei gestori di rifiuti, requisito indispensabile per poter esercitare l’ attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento