Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Mesagne

Preso un giovane per la rapina al negozio "Compro Oro" della Porta Grande

Era sfuggito alla cattura poco dopo la rapina messa a segno contro un negozio di “compro oro”, ma ieri i poliziotti del commissariato di Mesagne hanno concretizzato il lavoro di indagine condotto sulla vicenda, arrestando su ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip del tribunale di Brindisi, il 27enne Carmine Ferruccio Cariglino

MESAGNE – Era sfuggito alla cattura poco dopo la rapina messa a segno contro un negozio di “compro oro”, ma ieri i poliziotti del commissariato di Mesagne hanno concretizzato il lavoro di indagine condotto sulla vicenda, arrestando su ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip  del tribunale di Brindisi, il 27enne Carmine Ferruccio Cariglino, del luogo, trasferendolo poi alla casa circondariale di Brindisi.

I fatti. Alle 9,20 del 28 ottobre 2014 un giovane con il volto parzialmente coperto da una scaldacollo, sollevato a celare la bocca e il naso, fece irruzione nella centralissima piazza Vittorio Emanuele II, meglio nota come la “Porta Grande”, il centro della vita cittadina. Incurante di questo contesto ad alto rischio per una azione criminosa, il rapinatore puntò l’arma contro l’addetta alle vendite del “Compro Oro” che si trova al civico 42 della piazza, obbligando la donna ad aprire la cassaforte, impadronendosi poi di preziosi per un valore ingente.

Carmine Ferruccio Cariglino-2Il bandito fuggì a piedi, mentre intorno si alzavano le saracinesche degli esercizi commerciali e il traffico scorreva intenso intorno alla Porta Grande. Sul posto arrivarono subito dopo due pattuglie del commissariato di Mesagne, raccogliendo indizi e descrizioni del rapinatore. Sulla base di questi elementi, gli investigatori della sezione di polizia giudiziaria del commissariato individuarono, ancora in zona un giovane che allontanava con passo spedito dal luogo della rapina.

Che potesse trattarsi del rapinatore, fu chiaro quando il ragazzo, alla vista dei poliziotti in avvicinamento, cominciò a correre, e alla fine riuscì a dileguarsi. Ma ormai la frittata era fatta. Partendo dai fatti successivi alla rapina e utilizzando altri indizi (che si sono rivelati gravi per l’indagato), incrociando la fisionomia del giovane in fuga con descrizioni e immagini, la polizia ha chiuso il cerchio e il pm, e poi il gip, hanno ritenuto che vi fossero abbastanza elementi a carico di Cariglino, il quale – come già detto – lunedì è stato rintracciato ed arrestato dal personale del commissariato di Mesagne, diretto dal vicequestore Rosalba Cotardo.

                                                          

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preso un giovane per la rapina al negozio "Compro Oro" della Porta Grande

BrindisiReport è in caricamento