rotate-mobile
Cronaca Villa Castelli

Un fucile a canne mozze nella legnaia, arrestato sorvegliato speciale di V.Castelli

VILLA CASTELLI - Un fucile semiautomatico calibro 12 con la canna mozzata, la matricola abrasa e cinque cartucce nel serbatoio. Lo hanno trovato i carabinieri della stazione di Villa Castelli dopo un'accurata perquisizione a caico di un sorvegliato speciale con obbligo di dimora, che abita in una contrada di campagna del piccolo centro collinare del Brindisino, al confine con la provincia di Taranto.

VILLA CASTELLI - Un fucile semiautomatico calibro 12 con la canna mozzata, la matricola abrasa e cinque cartucce nel serbatoio. Lo hanno trovato i carabinieri della stazione di Villa Castelli dopo un'accurata perquisizione a caico di un sorvegliato speciale con obbligo di dimora, che abita in una contrada di campagna del piccolo centro collinare del Brindisino, al confine con la provincia di Taranto.

L'arma, un Benelli da caccia, era bene occultata sotto una massa di legna da ardere accumulata all'esterno della casa rurale dove vive il 43enne Vito D'Angela, che è stato immediatamente arrestato per violazione degli obblighi impostigli, e per ricettazione e detenzione illegale di arma clandestina modificata, e di munizioni.

Il fucile, comunicano i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana, sarà sottoposta ad accertamenti balistici e a comparazione con le relazioni su epispdi criminosi avvenuti nella zona negli ultimi tempi. Vito D'Angela intanto è stato trasferito in carcere a disposizione del pm di turno alla procura di Brindisi, Pierpaolo Montinaro.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un fucile a canne mozze nella legnaia, arrestato sorvegliato speciale di V.Castelli

BrindisiReport è in caricamento