menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I 350 cicloturisti tedeschi in giro per le bellezze del territorio brindisino

La radio-televisione bavarese Bayerischer Rundfunk, da anni organizza per i propri ascoltatori e spettatori crociere cicloturistiche nel Mediterraneo e questa volta ha scelto di fare tappa nell'Area Protetta di Torre Guaceto

TORRE GUACETO - Una manifestazione che ha posto sotto le luci dei riflettori le ricchezze del Territorio e dimostrato la fattibilità di un progetto per la mobilità ecosostenibile in bici che colleghi il punti nevralgici della città capoluogo Brindisi con la Riserva di Torre Guaceto.

La radio-televisione bavarese Bayerischer Rundfunk, da anni organizza per i propri ascoltatori e spettatori crociere cicloturistiche nel Mediterraneo e questa volta ha scelto di fare tappa nell’Area Protetta di Torre Guaceto. Giunti nel porto di Brindisi e desiderosi di conoscere la Riserva, i 350 cicloturisti sono stati guidati verso l’Area Protetta, al loro fianco Daniele Pomes di Madera Bike.

ciclisti scalinata virgilio-2

Arrivati sulla spiaggia non hanno atteso un attimo per tuffarsi nell’acqua cristallina di Punta Penna Grossa. Nemmeno le temperature ottobrine li hanno fermati, tutti entusiasti di approcciarsi per la prima volta ad una bellezza incontaminata come quella di Torre Guaceto. Dopo di che è partita l’escursione all’interno della Riserva sotto la guida esperta degli operatori della cooperativa Thalassia. Una breve pausa e tutti di nuovo in bici.

La seconda tappa ha visto protagonista il Castello di Serranova, dove i ciclotusti sono stati accolti dal sindaco di Carovigno, Carminesbandieratore ciclista-2 Brandi, ed hanno potuto assistere allo spettacolo messo in scena dai ragazzi del Gruppo sbandieratori del rione Castello. E poi l’esplosione di gioia con i banchetti allestiti con i prodotti del paniere di Torre Guaceto: la passata di pomodoro fiaschetto delle Terre delle Oasi, il vino dei “padroni di casa”, le Agricole Vallone, e l’olio della cooperativa olearia di Serranova con l’Olio del Parco.

Assaggi, conoscenza del Territorio attraverso i sui sapori, condivisione. Poi la partenza alla volta di Brindisi. Tornati in città, i 350 cicloturisti sono stati guidati alla conoscenza del centro storico del capoluogo di provincia e nel tardo pomeriggio si sono rimessi in viaggio alla volta di un’altra meta.

ciclisti biciclette-2

Un evento eccezionale che il Consorzio di Torre Guaceto ha organizzato con la collaborazione delle Amministrazioni comunali di Brindisi e Carovigno e l’ente gestore del Parco delle Dune Costiere. Una manifestazione per la quale vanno i dovuti ringraziamenti all’assessorato per la Mobilità ed i Trasporti della Regione Puglia, nelle persone dell’assessore Giovanni Giannini ed il responsabile Raffaele Sforza.

“Questo evento ha permesso di realizzare per la prima volta un viaggio ecosostenibile nei luoghi della provincia di Brindisi – ha dichiarato il presidente del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, ing. Enzo Epifani - Si è dimostrata la fattibilità di un piano per la mobilità sostenibile che veda al centro i punti nevralgici del territorio per l’arrivo del turisti, quali il porto, la stazione, l’aeroporto e l’entroterra. Un’esperienza che ha dimostrato quanto sia possibile ed auspicabile la pianificazione di un nuovo tipo di fruibilità by bike dei beni locali e creare così una nuova economia per i produttori del Territorio”. 

Con questa ciclo passeggiata, infatti, i turisti hanno potuto spostarsi dalla città alla costa dove si sono immersi nelle bellezze della Riserva di Torre Guaceto, luogo dal forte valore naturalistico, poi hanno potuto conoscere ed acquistare i prodotti enogastronomici locali (consegnati dagli operatori del Consorzio agli acquirenti al momento dell’imbarco), quindi farsi portatori all’estero della qualità dei cibi del paniere di Torre Guaceto, infine gli è stata offerta la possibilità di approcciarsi alla città di Brindisi, luogo ricco di beni storico-culturali.

Questa esperienza dimostra quanto un piano per la mobilità sostenibile nel Territorio possa essere una forte attrattiva per i turisti esteri e concretizzarsi in un volano per l’economia locale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sanremo, sul palco dell'Ariston anche una ballerina brindisina

Attualità

L'associazione 72019 lancia "sanvito.online", la web app dei ristoratori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento