Rubò un portamonete da casa di un amico: arriva la condanna

Un 63enne di Latiano sconterà ai domiciliari la parte residua di una pena pari a un anno, sei mesi e 22 giorni di reclusione

LATIANO – Nell’ottobre 2011 rubò un portamonete nella casa di un amico. Otto anni dopo, la giustizia presenta il conto al 63enne Giovani Giudice, di Latiano. L’uomo sconterà in regime di domiciliari la parte residua di una pena pari a un anno, sei mesi e 22 giorni di reclusione per il reato di furto in abitazione. I carabinieri della stazione di Latiano si sono recati presso il suo domicilio per notificargli un’ordinanza emessa dalla Procura della repubblica di Brindisi. 

Il reato venne commesso a Oria il 20 ottobre 2011. Con il pretesto di un bicchiere d’acqua, l’uomo entrò nella casa di un amico. e si impossessò di un borsello contenente 600 euro, collocato su un tavolo.  Dopo la notifica del provvedimento, l’arrestato, concluse le formalità di rito, è stato collocato in regime di detenzione domiciliare, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Il ballerino Alessandro Cavallo entra nella scuola di "Amici" di Maria De Filippi

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Addio a Fabio D'Aprile: lutto nel basket brindisino

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento