Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Va in ospedale per sottoporsi a una cura: le rubano la sedia a rotelle

La donna si era recata in ospedale insieme al marito per sottoporsi a una nuova cura sperimentale in day hospital. La sedia a rotelle è rimasta incustodita per pochi minuti

BRINDISI – L’operazione dei carabinieri del Nas contro i furti di farmaci ospedalieri, evidentemente, non è servita come monito. Mentre i media nazionali rilanciavano la notizia dell’arresto di nove persone per le razzie perpetrate nella farmacia dell’ospedale Perrino, un altro furto veniva messo a segno all’interno del nosocomio brindisino. E si tratta di un episodio a dir poco riprovevole, se si considera che nel mirino dei malfattori stavolta è finita una donna affetta da sclerosi multipla, la quale è stata derubata della sua sedia a rotelle.

 L’episodio si è verificato ieri mattina (17 ottobre). La donna, accompagnata dal marito, si era recata presso la struttura ospedaliera per sottoporsi a una nuova terapia sperimentale, in day hospital. La malcapitata ha percorso sulla sedia a rotelle, spinta dal coniuge, il breve tratto di strada che separava la macchina dal reparto. Una volta giunta a destinazione, la paziente è scesa dalla carrozzina per diversamente abili, lasciandola incustodita per pochi minuti.

Quando il marito è andato a riprendersela, della sedia a rotelle non c’era più alcuna traccia. Inizialmente si è pensato che qualcuno se ne fosse impossessato per sbaglio. Ma dopo varie ricerche, la carrozzina non è stata ritrovata e nessuno, a distanza di 24 ore dal fatto, si è ancora fatto avanti per restituirla.

L’episodio è stato subito segnalato al direttore sanitario dell’ospedale, che ha invitato la coppia a sporgere denuncia. E la donna, non avendo più la sua sedia a rotelle, ne ha dovuto prendere in prestito una (vecchia) dell’ospedale, per poter rientrare a casa, dopo una difficile mattinata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va in ospedale per sottoporsi a una cura: le rubano la sedia a rotelle

BrindisiReport è in caricamento