Valle d’Itria al Salone del Restauro di Ferrara, per una circonvallazione da Premio

LOCOROTONDO - Per le interessanti caratteristiche di sostenibilità, di gestione e di recupero paesaggistico, il progetto della circonvallazione di Locorotondo è stato selezionato nell'ambito del Premio del Paesaggio del Consiglio d'Europa, per essere esposto e presentato presso il Salone del Restauro di Ferrara. L’appuntamento è fissato nelle giornate dal 30 marzo al 2 aprile. L'iniziativa è promossa dalla Direzione Generale per il Paesaggio le Belle Arti, l'Architettura e l'Arte Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBac).

Veduta aerea di Locorotondo

LOCOROTONDO - Per le interessanti caratteristiche di sostenibilità, di gestione e di recupero paesaggistico, il progetto della circonvallazione di Locorotondo è stato selezionato nell'ambito del Premio del Paesaggio del Consiglio d'Europa, per essere esposto e presentato presso il Salone del Restauro di Ferrara. L’appuntamento è fissato nelle giornate dal 30 marzo al 2 aprile. L'iniziativa è promossa dalla Direzione Generale per il Paesaggio le Belle Arti, l'Architettura e l'Arte Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBac).

Ad illustrare l’opera inserita all’interno del suggestivo scenario della Valle d’Itria, sarà il progettista della “Strada Panoramica Martina Franca-Alberobello - I Tronco”, l’ingegnere Francesco Pagliara. Il progetto, atteso da oltre 40 anni dalla comunità di Locorotondo e dai Comuni della Valle d’Itria, snoda il grosso problema del traffico di attraversamento del centro abitato di Locorotondo e dà concreta attuazione all’ammodernamento dell’intera rete stradale dei “trulli” che attraversa un’area paesaggisticamente tra le più belle d’Italia.

Grazie ad una filosofia di progettazione infrastrutturale che non doveva premiare solo le ragioni tecniche, ma quelle del cuore, della sensibilità del territorio e degli abitanti, è stata studiata un’opera (con l’avvallo dei vari enti che sovrintendono il territorio, dalle Sovrintendenze, alla Regione Puglia, alla Provincia di Bari) in sintonia con il territorio, vale a dire con il prezioso e caratteristico paesaggio della Valle d’Itria.

Muretti in pietra, asfalto fonoassorbente drenante e di colore terra bruciata in panchina, prevalenza di curve ai rettifili, rotatorie del tipo artistico, sono gli ingredienti di una progettazione architettonica e paesaggistica della strada. Una grande occasione per dare valore aggiunto e rafforzare il territorio, per creare condizioni di competitività per il Comune di Locorotondo e per l’intero comprensorio della Valle d’Itria. Da qui il Premio del Paesaggio del Consiglio d'Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Coronavirus: primo caso positivo al test in Puglia

  • Paziente Torricella, positivi due "contatti stretti". Screening sui passeggeri

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

Torna su
BrindisiReport è in caricamento