Cellino, ancora vandali nel cimitero: rubata foto di 17enne, la madre chiede aiuto

Rubata la foto dalla tomba di un giovane cellinese, Francesco Andrisano, deceduto 12 anni fa in seguito a un incidente stradale all’età di 17 anni

CELLINO SAN MARCO - Nuovi episodi di vandalismo nel cimitero di Cellino San Marco: rubata la foto dalla tomba di un giovane cellinese, Francesco Andrisano, deceduto 12 anni fa in seguito a un incidente stradale all’età di 17 anni. Qualche mese fa fu deturpata la tomba della moglie e del figlio dell’ex sindaco di Cellino, anche in quel caso furono rimosse le fotografie. I cocci furono trovati sparsi a decine di metri di distanza. Questa volta della foto nessuna traccia. 

Un dolore senza fine quello che si porta dietro la mamma del giovane Francesco, l’unico conforto per affrontare la separazione dal figlio è quello di passare gran parte del tempo libero seduta accanto alla sua tomba. Dal 14 agosto scorso, però, non c’è più la sua fotografia. L’ha cercata in lungo e in largo per tutto il cimitero, adesso lancia un appello a chi l’ha rubata ma anche ai frequentatori del camposanto cellinese, ai primi chiede che venga restituita. Agli altri chiede collaborazione. Se qualcuno l’ha vista lo segnali. 

francesco andrisano-2

Il giovane è seppellito in una cappella comunale che da circa un mese è investita da un odore nauseabondo forse legato a qualche sepoltura. La donna ha più volte chiesto l’intervento del Comune e degli addetti ai lavori ma nessuno si è interessato al problema. Ha richiesto anche l’intervento della Asl che ha eseguito diversi sopralluoghi. 

“Il giorno successivo all’ultimo sopralluogo ho trovato la tomba di mio figlio senza foto, sarà stata una coincidenza? Io non lo so, so solo che entrare nella cappella e non vedere la sua foto per me è un dolore immenso. L’ho cercata per tutto il cimitero ma niente. Sarò costretta a rifarne una nuova nella speranza di non subire altri atti di vandalismo”. Da quanto racconta la donna, infatti, quello della foto non è il primo episodio, in passato sono state rubate lampade e fiori. 

cimitero cellino1-2

“In quel cimitero non c’è controllo, non c’è attenzione. Durante le ricerche della foto ho visto di tutto: sporcizia, carcasse di animali, cibo per cani e gatti sparso per i viali. Erba alta. Non è un luogo sacro, sembra un ricovero per animali. La cosa peggiore è che le mie lamentele sono cadute nel vuoto. Non posso entrare nella cappella dove c’è mio figlio per la puzza, dal Comune mi hanno risposto di non andare al cimitero”. 

cimitero cellino-2

Totale mancanza di rispetto verso chi non c’è più ma soprattutto verso chi nel fare visita ai propri cari trova l’unico conforto per la perdita della persona amata. “Perchè tanto menefreghismo?” Si chiede la donna. 

La risposta dell'amministrazione 

Il sindaco di Cellino San Marco, Salvatore De Luca, condanna fermamente gli atti di vandalismo e la profanazione delle tombe ma per quanto riguarda la mancanza di pulizia precisa che gli interventi di bonifica dell'area cimiteriale vengono eseguiti regolarmente dalla ditta incaricata. Per l'odore nauseabondo presente nella cappella comunale, invece, comunica che per lunedì 31 agosto (giorno di chiusura del cimitero) è prevista un'estumulazione straordinaria. In programma, inoltre, l'installazione di telecamere davanti agli ingressi del cimitero. 

"Capisco perfettamente il dolore della signora davanti agli episodi di vandalismo di cui è rimasta vittima ma non accetto le critiche sulla pulizia. Il cimitero di Cellino non è sporco, gli episodi segnalati dalle foto si riferiscono ad aree comprese tra cappelle private. Per quanto riguarda i danneggiamenti e i furti, è in fase di ultimazione un progetto che prevede l'installazione di 22 telecamere su tutto il territorio comunale. Considerati gli episodi del cimitero ne verranno installate alcune anche davanti agli ingressi. L'attenzione da parte nostra verso le problematiche della cittadinanza è alta ma ci sono alcuni aspetti che per essere risolti richiedono tempi tecnici e burocratici piuttosto lunghi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Covid, Puglia: contagi di nuovo in aumento. Emiliano: "Rt pari a 1.06"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento