Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

Vandali, un’altra scuola-martire

SAN PIETRO VERNOTICO – Nel mirino dei vandali la scuola elementare Gianni Rodari di San Pietro Vernotico: nella notte tra sabato e domenica, o in quella tra domenica e oggi, qualcuno ha fatto irruzione nell'istituto scolastico tentando di scassinare le macchinette di bevande, e non riuscendoci ha azionato un estintore riempiendo di schiuma scale e pavimento.

SAN PIETRO VERNOTICO - Nel mirino dei vandali la scuola elementare Gianni Rodari di San Pietro Vernotico (video): nella notte tra sabato e domenica, o in quella tra domenica e oggi, qualcuno ha fatto irruzione nell'istituto scolastico tentando di scassinare le macchinette di bevande, e non riuscendoci ha azionato un estintore riempiendo di schiuma scale e pavimento.

Sul posto i vigili urbani e i carabinieri. Le lezioni sono state sospese per motivi di sicurezza. Gli alunni questa mattina sono tornati a casa. Si attende ancora l'installazione delle telecamere. Non è la prima volta, infatti, che la scuola elementare Rodari di viale degli Studi, che ospita sei classi, viene presa di mira dalle bande di teppisti.

L'ultimo atto di vandalismo risale a un paio di settimane fa quando furono nuovamente scassinate le macchinette di distribuzione di bevande e alimenti, mentre qualche anno fa fu completamente messa a soqquadro e furono incendiati alcuni armadietti e a cadenza quasi regolare, da quanto riferisce il personale scolastico, è stata visitata più volte dai vandali.

"Non ci lasciano più nemmeno un foglio per scrivere, l'aula musicale e quella telematica sono state saccheggiate numerose volte e adesso non sono più utilizzabili - protestava questa mattina una delle insegnanti - non se ne può più".

Da anni ormai il Comune di San Pietro Vernotico promette l'installazione del sistema di video sorveglianza ma al momento l'unico intervento fatto riguarda il montaggio di grate di protezione davanti ad alcune finestre e porte e l'applicazione di sistemi di rinforzo delle serrature.

Ma i teppisti riescono ugualmente a introdursi nella scuola e a fare man bassa di tutto ciò che può diventare utile. Anche semplicemente a creare disordine. E di certo si tratta sempre della stessa banda, che ormai conosce benissimo la piantina della scuola.

Le macchinette di distribuzione degli alimenti prese di mira nell'ultimo weekend, infatti, si trovano in uno stanzino al primo piano, a due passi dalla scala, chiuso con grata e lucchetto. I malfattori sono riusciti a individuarlo, raggiungerlo e aprirlo. Del tentato furto si è accorto alle 7,10 di questa mattina il personale addetto all'apertura della scuola.

Non è stato accertato da dove la banda sia entrata, ma una finestra a primo piano, in corrispondenza di una pensilina, era aperta. La vetrata che da sulla scala antincendio anche, ma dall'interno. Non c'erano segno di effrazione, nessun vetro rotto.

I carabinieri della locale stazione hanno eseguito il sopralluogo di rito, sequestrando un paio di forbici lasciate davanti alla vetrata che si affaccia sulla scala antincendio. La scuola, su disposizione della dirigente Giuseppa Elia, oggi resta chiusa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali, un’altra scuola-martire

BrindisiReport è in caricamento