menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti e denunce nel corso di un servizio anticrimine nel week-end

Impegnati nell'attività coordinata dal comando provinciale dell'Arma circa 170 carabinieri con unità cinofile

Servizio straordinario di controllo del territorio ad alto impatto nei luoghi degli svaghi serali e per la prevenzione degli incidenti stradali del sabato sera effettuato dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi nel corso del weekend appena trascorso. Impegnati circa  170 militari con unità cinofile antidroga, e l’appoggio dei carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Taranto e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brindisi.

Il bilancio è di 5 persone arrestate (di cui una in flagranza di reato e quattro su provvedimento), 8 deferite a piede libero, 8 segnalate all’autorità amministrativa quali assuntori di sostanze stupefacenti, nonché 870 persone controllate, di cui 108 definite di particolare interesse operativo. Sei i veicoli rubati recuperati e restituiti ai legittimi proprietari e vari attrezzi da scasso sequestrati. Controllati dai carabinieri anche 74 esercizi pubblici, elevate numerose sanzioni amministrative.

controlli carabinieri-5

I dettagli del servizio in provincia

A Cisternino, i carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per evasione Sergio Giovanniello, 36enne residente a Vigevano (Pavia), ma di fatto domiciliato a Cisternino, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per una precedente violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, reato commesso il 26 giugno 2018 a Taranto.

L’uomo si era allontanato nella notte precedente dalla propria abitazione senza alcuna autorizzazione, venendo successivamente rintracciato da parte dei militari operanti. Il 36enne, al termine delle formalità rito, su diposizione del pm di turno, è stato ricondotto presso la sua abitazione sempre in regime di arresti domiciliari

A Cellino San Marco, i Carabinieri hanno tratto in arresto su ordine di carcerazione in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, Andrea Vacca, 43enne del luogo. L’uomo deve espiare la pena di mesi 10 e giorni 26 di reclusione per i reati di detenzione al fine di spaccio di stupefacente e detenzione abusiva di munizioni. I fatti addebitati risalgono al 2014. Anche Vacca è stato tradotto nella sua abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Controlli dei carabinieri

A Torchiarolo, invece,  i carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce, nei confronti di una 64enne del luogo. La donna deve espiare la pena di mesi 5 di reclusione, per aver eseguito delle opere edilizie senza autorizzazione in zona sottoposta a vincolo paesaggistico nella frazione di Casalabate nell’anno 2008. Dopo le formalità di rito, la donna è stata tradotta nella sua abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Sempre a Torchiarolo i militari hanno eseguito un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Brindisi, nei confronti di Andrea Reina,  47enne del luogo, poiché deve espiare la pena di 6 mesi di reclusione per mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice e violenza privata continuata, commessa in Torchiarolo il 15 giugno 2015. Reina, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare.

A Fasano, i carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 48enne del luogo sorpreso alla guida della sua autovettura in evidente stato di alterazione psicofisica dovuta all’ingestione di alcol. Sottoposto alla prova dell’etilometro gli è stato riscontrato un tasso alcolemico pari a 1,24 g/l. La patente di guida è stata ritirata. A Cisternino, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 34enne del luogo, per evasione dagli arresti domiciliari. L’uomodurante un controllo non è stato trovato in casa, rendendosi irreperibile.

A San Vito dei Normanni, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 36enne del luogo, gestore di un locale pubblico, per disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone. I militari, durante un controllo operato nel corso della notte di sabato presso la sua struttura ricettiva, hanno accertato la riproduzione di musica ad alto volume oltre l’orario consentito dalle vigenti disposizioni comunali.

controlli carabinieri2-2

Il bilancio dei servizi a Brindisi

I carabinieri della stazione di Brindisi Centro hanno eseguito un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso alla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Lecce, nei confronti di Davide Di lena, di 29 anni, del luogo. L’uomo deve espiare la pena residua di 2 mesi di reclusione per rapina e sequestro di persona, reati commessi in Nardò (Lecce) il 3 agosto 2012. Di Lena, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Lunga la lista delle persone denunciate a piede libero nel capoluogo. Un 30enne e un 33enne, sono stati deferiti in stato di libertà per tentato furto di autovettura e possesso ingiustificato di grimaldelli. I due soggetti, con specifici precedenti, sono stati sorpresi in via Montebello nel mentre osservavano una vettura di grossa cilindrata presumibile “preda” parcheggiata sulla pubblica via.

Notata la pattuglia, i due hanno cercato di eludere il controllo, tentando di allontanarsi repentinamente dalla zona a bordo di un’autovettura. Fermati e sottoposti a perquisizione, sono stati trovati in possesso di 2 chiavi universali per autovettura e 8 grimaldelli. Accompagnati in caserma non hanno saputo fornire plausibili giustificazioni riguardo agli strumenti rinvenuti, poi sottoposti a sequestro.

controlli carabinieri-2

Denunciato anche un 42enne del luogo, sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, per inosservanza dei provvedimenti del giudice. L’uomo è stato sorpreso sulla pubblica via mentre si accompagnava con un’altra persona gravata da pregiudizi, violando così le prescrizioni imposte.

Stessa procedura per un brindisino 54enne per evasione dalla detenzione domiciliare. L’uomo, arrestato nel settembre 2017 a seguito di un provvedimento di esecuzione della Procura della Repubblica di Roma poiché deve espiare la pena di anni 3 e mesi 10 di reclusione per vari furti,  controllato alle 23 non è stato reperito nel luogo di detenzione.

Infine, denunciato anche un 17enne residente in provincia di Bari, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, nel corso di una perquisizione personale in pieno centro storico di Brindisi,, è stato trovato in possesso di 4 involucri in cellophane contenenti complessivamente 3 grammi di cocaina, occultati in una scarpa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento