rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Velista di Martina naufraga in Sicilia

CATANIA – Un assicuratore in pensione di Martina Franca, il 65enne Franco Passoforte, ha fatto naufragio con la sua barca a vela nel pomeriggio di mercoledì 12 settembre al largo della costa orientale della Sicilia, ed è stato tratto in salvo in buone condizioni di salute appena un’ora dopo la ricezione del “mayday” da parte di un velivolo Atr-42 della Guardia Costiera in perlustrazione. L’intervento di soccorso si è svolto a circa 16 miglia dal litorale tra Siracusa e Catania. Niente da fare per lo sloop “Magic Blu” affondato su un fondale di 2mila metri, poco dopo essere stato abbandonato dall’unica persona a bordo.

CATANIA - Un assicuratore in pensione di Martina Franca, il 65enne Franco Passoforte, ha fatto naufragio con la sua barca a vela nel pomeriggio di mercoledì 12 settembre al largo della costa orientale della Sicilia, ed è stato tratto in salvo in buone condizioni di salute appena un'ora dopo la ricezione del "mayday" da parte di un velivolo Atr-42 della Guardia Costiera in perlustrazione. L'intervento di soccorso si è svolto a circa 16 miglia dal litorale tra Siracusa e Catania. Niente da fare per lo sloop "Magic Blu" affondato su un fondale di 2mila metri, poco dopo essere stato abbandonato dall'unica persona a bordo.

Passoforte era infatti in navigazione solitaria, e pare stesse rientrando a Brindisi dopo una lunga crociera tra gli arcipelaghi della Sicilia, la Tunisia e Malta con la sua barca a vela di 12 metri con la quale ha partecipato a numerose regate (è iscritto al Circolo della Vela Brindisi) costiere e d'altura. Nel primo pomeriggio di mercoledì Franco Passoforte si è accorto che sottocoperta si stava accumulando rapidamente acqua, ma non ha potuto cercare la via d'ingresso per bloccarla perché si era anche allagato il vano delle batterie e l'acido si stava diffondendo nella dinette e nelle cabine.

Allora lo skipper ha deciso di abbandonare la barca. Ha azionato la zattera di salvataggio e si è allontanato da "Magic Blu" con il telefono cellulare e un apparecchio Vhf portatile. Il telefonino a quella distanza dalla costa è risultato inutilizzabile, ma il Vhf è riuscito a trasmettere sul canale 16 di soccorso, A favore di Passoforte ha giocato la circostanza che quel tratto di mare è uno dei più sorvegliati d'Italia per via del traffico di barconi di immigrati dall'Africa. Il segnale è stato captato dall'Atr-42 del del 2° Nucleo Aereo di Catania, e sono scattati i soccorsi, coordinati dalla Sala Operativa dell'11° Centro Secondario di Soccorso Marittimo della Guardia Costiera di Catania, che ha guidato sul posto la motovedetta CP2113.

L'ex assicuratore di Martina Franca è stato individuato alle 17 e preso a bordo dall'unità della Guardia Costiera, quindi portato a terra, dove la motovedetta è giunta alle 18,40. Sono in corso indagini tecniche per appurare le cause del naufragio. Passoforte è molto noto negli ambienti della vela pugliese, dove la notizia è giunta alcune ore dopo. Sollievo per il fatto che tutto si sia concluso con la sola perdita della barca.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Velista di Martina naufraga in Sicilia

BrindisiReport è in caricamento