menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venti di burrasca: cartellone elettorale travolge un bimbo, strade bloccate da alberi

Venti forza 8 sferzano la provincia di Brindisi. A San Pietro, un bimbo travolto da un cartello si è rotto dei denti. Cade un albero sulla Ostuni-Cisternino

Articolo in aggiornamento continuo

Come previsto, la burrasca è arrivata. Un vento da sud-sud-ovest sferza il Brindisino a una velocità di oltre 40 chilometri orari, con raffiche che superano i 70 chilometri orari. Stando al bollettino Meteomar dell’Aeronautica Militare, l’Adriatico Meridionale è interessato da una burrasca forza otto in rinforzo a nove nel settore est. I disagi, e purtroppo anche i feriti, non mancano. 

Tragedia sfiorata

A San Pietro Vernotico, un bambino di 12 anni è stato travolto da uno dei pannelli metallici utilizzati per la propaganda elettorale che si trovano in piazza del Popolo, nel cuore del paese. Il piccolo è stato centrato in pieno dal cartellone, cadendo rovinosamente sul basolato. Nell’impatto, il malcapitato ha riportato la rottura dei denti. Alcuni passanti lo hanno subito soccorso. Sul posto si sono recati i soccorritori del 118, a bordo di un’ambulanza. I rilievi del caso sono stati effettuati dagli agenti della polizia municipale. 

Cartellone pubblicitario caduto a San Pietro Vernotico 2-2-3

Il bambino è stato trasportato presso il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino, per gli accertamenti del caso. Anche gli altri pannelli installati intorno alla piazza sono a rischio. Per questo vien da chiedersi se è normale che si trovino ancora lì, nonostante le elezioni politiche dello scorso 4 marzo siano passate da un pezzo e all’appuntamento con le elezioni amministrative, in programma il 10 giugno, manchino più di due mesi. I famigliari del 12enne, a tal proposito, potrebbero adire le vie legale, affinché si faccia chiarezza.

Albero caduto Ostuni-Cisternino-3

Alberi e pali in bilico

Oltre ai cartelloni pubblicitari, anche gli alberi sono piegati dalla forza del vento. Basti pensare che in una diramazione della strada provinciale dei colli che collega Ostuni a Cisternino, all’altezza del monastero delle suore Carmelitane di clausura, nei pressi del santuario di Sant’Oronzo, un grosso arbusto è letteralmente franato sulla strada. Fortunatamente in quel momento non passava alcun veicolo. I vigili del fuoco del distaccamento della Città Bianca si sono recati sul posto per rimuovere l’ingombrante ostacolo, con l’ausilio anche di una motosega. 

Lampione caduto-3

Si è rischiato grosso anche in piazza Giorgio la Pira, a Ceglie Messapica, dove un lampione è caduto sulla strada (come documentato dalla foto in alto, di Stefano Menga), provocando dei danni alla ringhiera e ai vetri delle veranda di un appartamento al primo piano che si trova sul lato opposto. 

Sulla strada statale 7 che collega Brindisi a Taranrto, nel tratto compreso fra Oria e Latiano, direzione Brindisi, un albero piegato dal vento è andato a finire sulla carreggiata (foto in basso), occupando per intero sia la corsia di sorpasso che quella di emergenza. Anche in questo caso, è una vera fortuna che nessuno si sia fatto male. Le forze dell'ordine sono intervenute per rallentare il traffico, in attesa della rimozione dell'arbusto. 

Scenario analogo si è replicato sulla strada provinciale che collega Torre Santa Susanna a San Pancrazio Salentino. Qui un albero di pioppo ha invaso la carreggiata, rendendo necessario l'intervento degli agenti della polizia locale e dei volontari dell'associazione di Protezione civile Agata Gallù. Mentre i primi gestivano la viabilità, i secondi sezionavano i rami e li mettevano al sicuro a bordo strada. 

ALbero caduto sulla superstrada-2

A Brindisi, una serie di transenne collocate nel tratto finale di corso Garibaldi, vicino a piazza Vittorio Emanuele, è stata scaraventata sulle basole, sfiorando dei passanti. Sul posto si sono regati gli agenti della polizia locale. In via Pellizza da Volpedo, al rione Sant'Elia, un albero che si trova nel perimetro di un impianto sportivo gestito da una società di calcio si è spezzato ed è caduto sulla strada (foto in basso), rendendola inaccessibile. I poliziotti della Sezione volanti si sono recati sul posto per delimitare l'area con un un nastro da cantiere. La carreggiata è stata liberata intorno alle ore 15,50, grazie all'intervento dei vigili del fuoco. 

Video: albero si abbatte su una villetta a Tuturano

Gli stessi pompieri, unitamente alla polizia locale, si sono successivamente recati in via Benvenuto Cellini, prolungamento di via Pellizza da Volpedo, per mettere in sicurezza delle tegole che si stavano staccando da una palazzina. In via Giovanni XXIII, nel centro cittadino, si sono staccati dei calcinacci. 

Albero spezzato in via Pellizza da Volpedo, a Brindisi 2-2

A Cellino San Marco sono al lavoro due squadre della Protezione civile comunale (foto a destra) coordinata da Franco Menga. I volontari hanno effettuato Albero caduto a Cellino San Marco 2-2una decina di interventi, fra cartelloni in metallo divelti e un grosso pino caduto sulla carreggiata. Lo stesso Menga, in costante contatto con l’amministrazione comunale, rimarca “la collaborazione della cittadinanza che segnala le criticità. Il gruppo comunale si sta adoperando affinché sia salvaguardata la pubblica e privata incolumità”.

Le previsioni

La Protezione civile pugliese ha diramato una nuova allerta meteo che rinnova per altre 24 ore, a partire dal pomeriggio di oggi (31 marzo), quella diramata venerdì pomeriggio.

Stando alle previsioni consultabili sul sito dell’Aeronautica militare, però, la situazione dovrebbe migliorare nella giornata di Pasqua (1 aprile). Domani, infatti, le raffiche non dovrebbero superare i 54 chilometri orari, rispetto alle punte massime di circa 80 chilometri orari registrate nella giornata odierna. Nell’arco della mattinata si prevede un cielo coperto

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento