menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via i bidoni carrabili: gli incivili abbandonano i sacchetti per strada

Non tutti i brindisini si adeguano al nuovo sistema di conferimento. Segnalata l'assenza di contenitori per le deiezioni canine

BRINDISI – La ditta Ecotecnica sta gradualmente rimuovendo i bidoni carrabili dalle vie cittadine, ma ci sono alcuni cittadini (e non sono pochi) che non riescono proprio ad abituarsi al concetto di raccolta differenziata. Lo dimostra il fatto che da alcuni giorni, soprattutto di sera, si accumulano decine di sacchetti colmi di rifiuti nei punti in cui si trovavano i cassonetti.

Il rione Sant’Angelo, come testimonia la foto a corredo dell’articolo inviata in redazione da un residente, è una delle zone in cui si sta verificando questo deprecabile fenomeno. Ma anche ai Cappuccini, in altri rioni della città e sulla litoranea nord sono state segnalate condotte analoghe.

Questo avviene in una fase di transizione fra il precedente sistema di raccolta e l’entrata in vigore del nuovo calendario porta a porta. Gradualmente la ditta, dopo aver distribuito kit e pattumelle ai residenti, sta asportando i carrabili dai quartieri (Santa Chiara e Cappuccini fra questi) in cui ancora si trovavano i cassonetti per i rifiuti indifferenziati. Dei disagi sono da mettere in conto. Ma l’inciviltà non può trovare giustificazioni.

Altra questione sollevata da numerosi cittadini è quella riguardante l’assenza di contenitori per le deiezioni canine. Dopo l’eliminazione dei bidoni, infatti, la gente non sa più dove conferire le bustine contenenti gli escrementi degli amici a quattro zampe. A Ruvo, Barletta, Corato e Bisceglie fra questi) ed in altri comuni pugliesi sono stati installati dei cestini appositi. Perché non farlo anche a Brindisi?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento