rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Via i lavori del rondò all'incrocio tra la Ostuni-Martina e la Ceglie-Cisternino

OSTUNI - Hanno preso avvio oggi i lavori per la realizzazione di un rondò all’intersezione delle strade provinciali che collegano Cisternino con Ceglie Messapica e Martina Franca con Ostuni (SP16 e SP14), in contrada Chiobbica.

OSTUNI - Hanno preso avvio oggi i lavori per la realizzazione di un rondò all'intersezione delle strade provinciali che collegano Cisternino con Ceglie Messapica e Martina Franca con Ostuni (SP16 e SP14), in contrada Chiobbica.

La Provincia di Brindisi ha stanziato 150.000 euro per garantire la sicurezza lungo questo incrocio che nel passato è stato teatro di numerosi incidenti stradali alcuni dei quali mortali.

"Proprio come annunciato dal presidente Ferrarese - dichiara l'assessore provinciale alla Viabilità, nonché sinbdaco di Cisternino, Donato Baccaro - gli interventi di messa in sicurezza delle strade provinciale riguardano prioritariamente quei tratti che sono giudicati pericolosi e che rappresentano delle criticità per la sicurezza degli automobilisti".

"Con l'apertura del cantiere di oggi si pone un ulteriore tassello al quadro generale che l'amministrazione provinciale sta realizzando nel settore della viabilità e della sicurezza stradale attraverso ingenti finanziamenti riservati proprio a questi due settori. Un'attenzione che riserviamo non solo attraverso la realizzazione di rondò ma con tutta una serie di interventi che mirano ad eliminare i rischi nel transito delle automobili sui tratti di strada di competenza della Provincia", ha aggiunto l'assessore.

Baccaro conclude: "Una volontà che si manifesta anche attraverso maggiori controlli sulle strade per impedire il ripetersi di atteggiamenti da parte degli automobilisti non in linea con quanto stabilito dal codice della strada e punire conseguentemente i trasgressori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via i lavori del rondò all'incrocio tra la Ostuni-Martina e la Ceglie-Cisternino

BrindisiReport è in caricamento