Cronaca

In viaggio con 28 chili di marijuana e tre di cocaina: i tre arrestati davanti al Gip

Il racconto fatto dai tre uomini di Racale, finiti in manette lo scorso 12 marzo, in seguito a un servizio di osservazione sulla statale Lecce-Brindisi. Tomas Manni: “Ho agito per conto di terzi”

RACALE - Ha raccontato di essere stato ingaggiato per il trasporto di 28 chili di marijuana acquistata a Brindisi e di aver “custodito” in casa circa tre chili e mezzo di marijuana, per conto di committenti, di cui non ha voluto fornire le generalità. Sono questi i passaggi cruciali dell’interrogatorio di convalida di Tomas Manni, 40enne di Racale, che si è tenuto due giorni fa, davanti al giudice del tribunale di Brindisi Vittorio Testi.

Hanno risposto alle domande del gip, alla presenza dell’avvocato difensore Francesco Fasano, anche gli altri due compaesani, finiti con lui nel carcere di “Borgo San Nicola”, Simone Minutello, di 33 anni, e Federico Foccillo, di 38. Entrambi al gip hanno riferito di aver accettato la proposta di Manni di trasferire la sostanza stupefacente in cambio di 200 euro.

C’era Minutello alla guida della Mercedes dove si trovavano tre scatoloni (due nel cofano e uno sul sedile posteriore) con 25 buste sigillate, sottovuoto, di marijuana, mentre gli altri due facevano da “staffetta” a bordo di una Bmw e una Volkswagen Golf.

I carabinieri avevano iniziato a monitorare i tre mezzi, lo scorso 12 marzo, intorno alle 17.30, mentre percorrevano la statale 613, in direzione di Brindisi, e riconoscendo gli occupanti, tutti già noti proprio per vicende di droga, avevano deciso di seguirli.

Avrebbero però perso le tracce dei mezzi, dopo aver superato il centro abitato di Latiano, in prossimità del primo svincolo per Francavilla Fontana, riuscendo comunque a rintracciarli, intorno alle 19.25, sulla strada del ritorno. Poco prima dello svincolo per Torchiarolo, sulla statale 613 in direzione di Lecce, però, la Mercedes è stata lasciata su una piazzola di sosta, probabilmente a causa di un guasto al motore, e i tre hanno ripreso la marcia con le altre due auto, ma dopo aver percorso qualche metro, sono stati fermati.

Si è così proceduto alle perquisizioni delle vetture. L’unica con il carico di droga è risultata la Mercedes. Qui, inoltre, sotto al sedile del lato guida è stata rinvenuta anche la somma di 1.985 euro. Sotto sequestro anche due cellulari e un foglio dove erano riportate cifre riconducibili a conteggi di denaro.

I controlli sono stati estesi, come sempre avviene in questi casi, anche nelle rispettive abitazioni degli indagati e in casa di Manni sono spuntati 3 chili 415 grammi di cocaina, la somma di 6.115 euro, un bilancino di precisione e una macchinetta elettronica conta banconote. Nel domicilio di Foccillo, invece, è stato trovato solo un involucro con 2 grammi di “polvere bianca”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In viaggio con 28 chili di marijuana e tre di cocaina: i tre arrestati davanti al Gip
BrindisiReport è in caricamento