rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Vigili del Fuoco e banditi, il racconto

BRINDISI - “Ci hanno puntato fucile e mitraglietta in faccia per spostare il mezzo e metterlo di traverso alla strada in modo da bloccare le forze dell'ordine”. Sono ancora sotto shock e preferiscono mantenere stretto il riserbo sulla loro identità i tre vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi protagonisti, loro malgrado, delle scene da Far West avvenute nel pomeriggio di ieri lungo l'autostrada A 14 nella corsia sud, nei pressi di Bari, all'altezza del casello di Bitonto.

BRINDISI - "Ci hanno puntato fucile e mitraglietta in faccia per spostare il mezzo e metterlo di traverso alla strada in modo da bloccare le forze dell'ordine". Sono ancora sotto shock e preferiscono mantenere stretto il riserbo sulla loro identità i tre vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi protagonisti, loro malgrado, delle scene da Far West avvenute nel pomeriggio di ieri lungo l'autostrada A 14 nella corsia sud, nei pressi di Bari, all'altezza del casello di Bitonto.

Qui un commando armato composto da dieci persone ha assaltato due Tir provenienti dalla Germania carichi di sigarette. Dopo aver sparato a scopo intimidatorio per tenere sotto scacco il traffico lungo due chilometri di autostrada, i rapinatori hanno minacciato e rapinato dei mezzi anche i tre vigili del fuoco brindisini si trovavano sulla stessa carreggiata della A14.

"Stavamo tornando da Brescia - raccontano i protagonisti pensando ancora a quei terribili momenti - ed eravamo diretti a Brindisi. Stavamo trasportando un veicolo antincendio per uso aeroportuale. Si trattava di un trasporto eccezionale di un mezzo del peso di 33 tonnellate a pieno carico, lungo 9 metri e mezzo e largo tre metri e mezzo. Eravamo fermi per un controllo del mezzo quando abbiamo sentito sparare e abbiamo visto uno dei banditi che con il busto che si sporgeva dal finestrino, imbracciando un mitra minacciava il conducente di un Tir per indurlo a fermarsi".

"L'autoarticolato procedeva a zig-zag nel tentativo di difendersi dagli aggressori. Erano tutti vestiti di nero, mascherati con passamontagna - raccontanto i tre vigili del fuoco - e armati anche anche di bombe". Erano quasi le 17 quando i rapinatori si sono fermati puntando le armi contro i vigili del fuoco di Brindisi. "Mi hanno urlato di state fermo - racconta uno dei malcapitati - e chi si muoveva con un'arma puntata contro? Poi hanno intimato al collega alla guida del mezzo di spostarlo di traverso alla strada. Si sono fatti consegnare le chiavi e sono fuggiti".

La brutta avventura si è conclusa dopo le 22 quando i tre vigili del fuoco hanno fatto rientro a casa, dopo essere stati interrogati dalle forze dell'ordine per fornire la loro testimonianza. Il mezzo è rimasto a Bari, è stato rimesso in moto collegando i cavi ma non poteva affrontare lunghi tragitti. I banditi dopo essersi impossessati dei Tir carichi di sigarette sono fuggiti abbandonandoli e facendo perdere le tracce.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del Fuoco e banditi, il racconto

BrindisiReport è in caricamento