Due vini di Tenute Lu Spada premiati al concorso nazionale di Vinoway

SI tratta di Tuffetto, il rosato biologico di Negroamaro IGT Salento 2019 e Masada, il rosso di Negroamaro Doc  Brindisi 2017

Prestigioso riconoscimento a due vini di Tenute Lu Spada nel concorso nazionale di Vinoway a cui hanno partecipato le più importanti cantine italiane e pugliesi.Tuffetto, il rosato biologico di Negroamaro IGT Salento 2019 e Masada, il rosso di Negroamaro Doc  Brindisi 2017, sono stati premiati con un lusinghiero punteggio, il rosato con 93/100 e il rosso Doc  Brindisi con 90/100. Carmine Dipietrangelo amministratore di Tenute Lu Spada ha espresso la soddisfazione per questo risultato che premia l’impegno, il lavoro e la passione che contraddistinguono il progetto aziendale teso a valorizzare il territorio di Brindisi e i suoi vitigni autoctoni come il Negroamaro, il Susumaniello e la Malvasia nera.

Tuffetto e Masada, dice Dipietrangelo, sono espressione della collezione dei vini aziendali e delle proprie etichette scelte in coerenza con un progetto pensato e già in fase di realizzazione che può essere sintetizzato in “natura e storia” dove c’è paesaggio, territorio, clima e sole. Elementi questi che fanno del vino di Brindisi, città dalla storia millenaria e da sempre terra di vini, un’eccellenza del Salento. Tuffetto, nome di un uccello migratore che sverna e nidifica nel bacino del Cillarese, si richiama alla natura e alla biodiversità che circondano i vigneti, coltivati in biologico, ubicati a ridosso dell’area faunistica protetta del Cillarese. 

Il rosato ha ottenuto un punteggio tra i più alti ed è stato premiato con queste valutazioni: Rosa cerasuolo dai riflessi rubini. Stuzzicante olfazione di un frutto polposo e succoso. Fragoline selvatiche, more e lamponi. Mostarda di frutti di bosco, note balsamiche e mentolate. Affascinanti note di erbette aromatiche mediterranee come salvia e rosmarino. Finale che ripropone il mirto. Sorso pieno, ricco di volume e struttura. La freschezza funge da caposaldo  in una armonica melodia, elegante e moderna. Vino che sfuma in una nota finale calda, lunga e affascinante. 

Masada, vino rosso DOC fa parte invece delle etichette che si richiamano alla storia millenaria del vino della città di Brindisi. Già riconosciuto nella Top Hundred 2020 tra i migliori vini d’Italia nella selezione di Golosaria ed inserito come “fuori di top” all’interno della guida del Golosario, è stato premiato con queste valutazioni: All’esame visivo si annuncia con un colore rosso rubino vivo con riflessi granati. Il bouquet di profumi che sviluppa al naso si presenta elegante e variegato con note che partono dal frutto maturo per virare verso sfumature speziate di caffè tostato con lievi ritorni balsamici. Marcato dall’ottima struttura, rivela un sorso ricco e consistente con un ottimale rapporto di freschezza e sapidità. Quadro tannico consistente che si concederà nel tempo. Un vino con un finale molto persistente  e con una deliziosa chiusura di bocca. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Sgombero da alloggio popolare: la famiglia resiste, sfratto prorogato

  • Covid-19: oltre 10mila i tamponi effettuati. I positivi continuano a crescere

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento