menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Aggressione ai tifosi juventini, Roberto Sabato sulla barella

Aggressione ai tifosi juventini, Roberto Sabato sulla barella

Follia ultras: juventini aggrediti con bastoni ed estintori al rientro da Roma

Sei brindisini che viaggiavano a bordo di un furgoncino sono stati accerchiati da decine di ultras napoletani in un'area di servizio nei pressi di Frosinone. "Hanno tentato ti incendiare il furgoncino con un fumogeno": Tutti e sei portati in ospedale

BRINDISI – Sono stati accerchiati da decine di ultras del Napoli, armati di mazze ed estintori, che hanno tentato di dare fuoco al furgoncino a bordo del quale viaggiavano. Uno di loro è stato colpito più volte alla testa, riportando delle ferite. E’ stata una esperienza da incubo quella vissuta dai sei tifosi juventini (quattro di Mesagne, due di Brindisi) che mentre rientravano dalla trasferta di Roma, dove i bianconeri ieri sera (15 maggio) sono stati sconfitti per 3-1 dalla Roma rinviando a domenica prossima la festa scudetto, sono stati assaliti da un branco di veri e propri delinquenti.

Aggressione ai tifosi juventini, Roberto Sabato sulla barella-3

La brutale aggressione è avvenuta intorno alle ore 1,30 di notte in un’area di servizio nei pressi di Frosinone. “Eravamo fermi – raccontano i protagonisti della disavventura – per fare benzina. Uno di noi (si tratta del mesagnese Roberto Sabato, 50 anni, titolare di una tabaccheria nel centro commerciale Auchan, ndr) è sceso. All’improvviso si sono scagliati contro di lui quattro tifosi del Napoli”. Roberto, colto del tutto alla sprovvista, è stato preso a calcio e pugni.

Aggressione ai tifosi juventini, il furgoncino-4

“Noi a quel punto – prosegue uno dei sei juventini – abbiamo cercato di scendere dal furgone per difendere il nostro amico, ma subito dopo sono arrivati altri 30-40 tifosi napoletani che hanno spaccato i vetri del furgone con dei bastoni e degli estintori. A un certo punto hanno anche acceso un fumogeno e lo hanno lanciato contro il furgone, che ha rischiato di andare a fuoco”. I banditi inoltre hanno cercato di sfondare a calci lo sportello centrale del veicolo, che fortunatamente ha retto. “Altrimenti – prosegue un tifoso juventino – sarebbe andata a finire malissimo”. (In basso, i tifosi juventini a Roma)

Tifosi juventini aggrediti-2

L’aggressione si è interrotta grazie all’intervento di alcune pattuglie della polizia Stradale. Ad avere la peggio è stato Roberto Sabato, che si trova tuttora in osservazione presso l’ospedale di Frosinone, dove si sono recati anche gli altri cinque juventini per gli accertamenti del caso. In mattinata i malcapitati verranno accompagnati presso la questura del comune ciociaro per sporgere denuncia e ricostruire la dinamica dei fatti. 

"Per noi seguire il calcio è passione, amore svago e gioia - affermano i tifosi - non avremmo mai pensato di poterci ritrovare in una situazione del genere. Neanche nei peggiori incubi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento