Cronaca Oria

Violò l'obbligo di dimora per rubare monetine: di nuovo ai domiciliari

Viene ripristinata la misura degli arresti domiciliari nei cofronti di Cosimo Tomaiuolo, 26 anni, di Oria, arrestato lo scorso 22 febbraio dai poliziotti del commissariato di Mesagne mentre rubava delle monetine da una slot machine, con la complicità di Giuseppe Fullone, 36 anni. Il provvedimento restrittivo, in realtà, è legato a un arresto per furto in appartamento

ORIA – Viene ripristinata la misura degli arresti domiciliari nei cofronti di Cosimo Tomaiuolo, 26 anni, di Oria, arrestato lo scorso 22 febbraio dai poliziotti del commissariato di Mesagne mentre rubava delle monetine da una slot machine, con la complicità di Giuseppe Fullone, 36 anni.  Il provvedimento restrittivo, in realtà, è legato a un arresto per furto in appartamento risalente allo scorso novembre. Cosimo Tomaiuolo-2

Tomaiuolo fu all’epoca dei fatti ammanettato dai carabinieri della stazione di Oria. Nei suoi confronti vennero disposti i domiciliari. Dopo un paio di mesi ottenne l’obbligo di dimora, con divieto di allontanarsi dal comune di residenza. Il furto di  monetine messo a segno in un bar di Mesagne, però, rappresentava una palese violazione di tale obbligo (nella foto a destra, Cosimo Tomaiuolo).

Per questo, i militari gli hanno notificato una ordinanza di sospensione della misura dell’obbligo di dimore con ripristino degli arresti domiciliari emessa dal gip del tribunale di Brindisi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violò l'obbligo di dimora per rubare monetine: di nuovo ai domiciliari

BrindisiReport è in caricamento