menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinque cittadini rimuovono rifiuti e macerie dalla pista ciclabile

"Là dove l'amministrazione comunale non dà risposte efficaci, in circostanze in cui vige la regola dello scarica barile circa le competenze, ci siamo detti che noi cittadini avremmo potuto fare qualcosa di concreto"

Circa un mese fa, per caso, ci siamo accorti dello stato di degrado in cui versava il tratto finale della pista ciclabile, per intenderci quello perimetrale al quartiere Sant'Angelo. Dopo aver pubblicato sui social network le foto e atteso invano un intervento da parte dell'amministrazione comunale, abbiamo organizzato un evento per rimuovere i rifiuti che potevano essere asportati e quindi smaltiti.

Domenica 2 aprile, nonostante l'esiguo numero di partecipanti e l'arduo compito, in cinque di cui tre adulti, un ragazzo e un bambino animati da una sana voglia di fare qualcosa di concreto, abbiamo raccolto, differenziato e accatastato all'ingresso della pista ciclabile un'enorme quantità di rifiuti.

Là dove l'amministrazione comunale non dà risposte efficaci, in circostanze in cui vige la regola dello scarica barile circa le competenze, ci siamo detti che noi cittadini avremmo potuto fare qualcosa di concreto. Certo non abbiamo potuto rimuovere macerie e rifiuti pericolosi come i cristalli delle auto o pochi bustoni pieni di rifiuti non qualificabili, comprese vecchie conserve abbandonate ma abbiamo fatto ciò che era umanamente possibile per ripulire un tratto di pista che sta scomparendo lentamente.

Dopo tanti soldi pubblici spesi, piange il cuore vedere lo stato in cui versa. Oggi è meno sporca di ieri ma chiediamo all'amministrazione comunale che i rifiuti recuperati vengano rimossi e che questa si attivi per la completa pulizia del tratto interessato che non può più prescindere da mezzi meccanici.

Noi ci abbiamo messo il cuore, all'amministrazione il compito di metterci la faccia. Bisogna rimuovere e smaltire quei rifiuti o il nostro sarà stato lavoro inutile. Ringrazio di cuore la mia famiglia, Natascha, i miei due leoncini Yuri e Salvo e il caro amico Luigi Stampacchia che è sempre in prima linea. Chiediamo a tutti un gesto di buona volontà, fate giungere l'appello a chi di dovere e aiutate a segnalare situazioni di degrado o soggetti che inquinano o gettano rifiuti. Siate tutti i custodi della nostra città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

  • Attualità

    Presentato "Take It Slow", il turismo che unisce esperienze e comunità

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento