Cronaca

Waterfront: nasce l'asse Propeller-Comune per la riqualificazione del porto

Il Propeller Club di Brindisi collaborerà gratuitamente con il Comune di Brindisi nella stesura dei progetti di qualificazione dell'area portuale-urbana di piazzale Lenio Flacco e dell'ex molo carboni adiacente al canale Pigonati ed area annessa. Questo in virtù di un protocollo di intesa sottoscritto dal sindaco e dal presidente del Propeller

BRINDISI – Il Propeller Club di Brindisi collaborerà gratuitamente con il Comune di Brindisi nella stesura dei progetti di qualificazione dell’area portuale-urbana di piazzale Lenio Flacco e dell’ex molo carboni adiacente al canale Pigonati ed area annessa.  Questo in virtù di un protocollo di intesa sottoscritto dal sindaco Mimmo Consales e dal presidente del Propeller club Porto f Brindisi, Donato Caiulo, nel corso della tavola rotonda “Il rapporto città-porto” organizzata dallo stesso Propeller club con il patrocinio degli ordini professionali degli Ingegneri e degli architetti, dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili) e del Comune, che si è svolta ieri (20 aprile) a palazzo Nervegna. Il Propeller ha dato la propria disponibilità a supportare il settore Urbanistica “in riferimento ai luoghi del waterfront e del rapporto città-porto”.

Tutto ciò “nell’ambito di un insieme coordinato ed organico di azioni - si legge in un comunicato stampa del sindaco - che il Comune di Brindisi ha intrapreso per avviare un processo di cambiamento e di innovazione volto al recupero della vivibilità e della frequentazione degli spazi urbani e al recupero del valore architettonico, culturale e sociale del centro storico e delle aree portuali attraverso una pianificazione urbanistica innovativa che ha i suoi capisaldi fondamentali nel rapporto tra la città ed il suo porto, nel documento di rigenerazione urbana e nella tiqualificazione del waterfront del porto interno, vera e propria ‘piazza d’acqua’ in cui la città si riconosce”.

I primi approdi delle navi crociera di Msc a Costa Morena (“purtroppo” – afferma Consales), orientano l’Amministrazione Comunale “ad un momento di verifica ed approfondimento, riguardo allo sviluppo del traffico crocieristico nel porto interno. Lo stesso responsabile di Msc lunedì 13 aprile aveva espresso il proprio sogno: poter attraccare nel porto interno”.

“Tenuto conto  - prosegue il primo cittadino- che il ‘The International Propeller Club – Port of Brindisi’ ha già in precedenza offerto una gratuita collaborazione al Comune di Brindisi, predisponendo il testo e coordinando la sottoscrizione, in data 3 maggio 2014, del Protocollo d’Intesa tra i Comuni di Brindisi, Lecce ed Otranto, per la realizzazione del ‘Sistema Portuale del Salento’, si è ritenuto opportuno ed auspicabile che lo stesso Propeller Club, di concerto anche con gli ordini professionali, possa supportare il Comune di Brindisi, a titolo gratuito, sulle tematiche del waterfront e del rapporto tra la città ed il suo porto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Waterfront: nasce l'asse Propeller-Comune per la riqualificazione del porto

BrindisiReport è in caricamento