Cronaca

Xylella: "Gli ulivi vanno salvati, non cancellati dal nostro paesaggio"

Si è consumato ieri l'ultimo capitolo del dramma che ha colpito uno dei simboli della nostra regione. Un vero e proprio blitz ha portato, nelle campagne di Oria, all'eradicazione di 38 alberi di ulivo che si vanno a sommare ai 7 abbattuti il 13 aprile scorso. "Una vera e propria pulizia etnica - non usa mezzi termini l'agronomo brindisino Marco Mitrotta"

BRINDISI - Si è consumato ieri l’ultimo capitolo del dramma che ha colpito uno dei simboli della nostra regione. Un vero e proprio blitz ha portato, nelle campagne di Oria, all’eradicazione di 38 alberi di ulivo che si vanno a sommare ai 7 abbattuti il 13 aprile scorso, si è definitivamente presa coscienza di come il problema Xylella verrà gestito dai militari del Corpo Forestale, sotto il comando del Commissario di Protezione civile  per l’emergenza Xylella, Giuseppe Silletti.                                                                                                                                                       

“Una vera e propria pulizia etnica – non usa mezzi termini l'agronomo brindisino Marco Mitrotta – questa si consumerà sul nostro territorio. Abbiamo preso sotto gamba il problema perdendo 5, 6 anni a pensare come agire. Adesso ci tocca applicare le direttive della Comunità Europea, questi sono i risultati”.                                                                                                                                                                            

Le direttive parlano chiaro: per ogni albero infetto abbattuto bisogna “ripulire” nel raggio di 200 metri.                                                 

 “Vorrà dire far scomparire gli ulivi dal nostro territorio, tabula rasa – continua il dottor Mitrotta raggiunto da BrindisiReport.it – una pulizia etnica come ho già detto. Seguire queste direttive comporta l’abbattimento di tutti gli ulivi presenti nel raggio di 200 metri dal primo ulivo abbattuto, sa cosa vuol dire questo? Più di 3 ettari su cui agire, una porzione di terreno in cui sono presenti da un minimo di 400-500 alberi ad un massimo di 1200-1500. Marco Mitrotta-2Un’ecatombe”.                                                                                                          

“Il problema è che si è perso di vista il vero intento, vale a dire chi deve essere supportato, in questo caso è l’albero. Bisogna agire come fa un medico, meglio ancora uno specialista, sul proprio paziente. In questo caso parlo più come agricoltore che agronomo, bisogna difendere l’ulivo, la pianta deve vivere, non essere abbattuta. Dobbiamo tenere presente che l’ulivo nella sua vita millenaria si sarà di certo imbattuto in altri batteri, ma, come ne tutti siamo testimoni, questo magnifico albero è ancora qui. Stiamo commettendo un errore”.                                                                              
 

“Nella task force presieduta dal comandante Silletti manca un esperto, un agronomo, ma io propenderei per un agricoltore, una persona che conosca realmente le necessità della pianta e che propenda a salvare l’ulivo e non a cancellarlo dal nostro paesaggio. Non c’è concordia e a farne le spese sono questi magnifici alberi” – conclude non poco preoccupato il dottor Mitrotta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Xylella: "Gli ulivi vanno salvati, non cancellati dal nostro paesaggio"

BrindisiReport è in caricamento