Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Torchiarolo

Xylella: la gente in strada contro le eradicazioni a Torchiarolo e Cellino

Prosegue la mobilitazione contro l’eradicazione degli ulivi infettati dalla Xylella e di quelli sani presenti nel raggio di 100 metri. A Torchiarolo, uno degli snodi cruciali della protesta, nel pomeriggio di oggi (8 novembre) si svolgerà una manifestazione contro il piano Silletti indetta dal Movimento 5 stelle. A Cellino centinaia di persone sono scese in strada nell'ambito di un'iniziativa promossa da Azione Cattolica

TOCHIAROLO – Prosegue la mobilitazione contro l’eradicazione degli ulivi infettati dalla Xylella e di quelli sani presenti nel raggio di 100 metri. A Torchiarolo, uno degli snodi cruciali della protesta, nella pomeriggio di oggi (8 novembre) si svolgerà una manifestazione contro il piano Silletti indetta dal Movimento 5 stelle. A Cellino centinaia di persone sono scese in strada nell'ambito di un'iniziativa promossa da Azione Cattolica e da don Cosimo. 

L’appuntamento è alle ore 15,30, presso la stazione di servizio situata vicino al Calvario. I portavoce del movimento chiamano a raccolta la cittadinanza all’insegna del motto:  “No al piano! È un attacco alla nostra economia ed alla nostra storia!”. 

Xylella: manifestazioni contro le eradicazioni a Cellino e Torchiarolo

“I portavoce, accompagnati dal meetup locale – si legge in un comunicato degli organizzatori -  incontreranno alcuni agricoltori destinatari dei verbali di abbattimento e, con loro, si recheranno nei terreni vittime, in questi giorni, dell’azione devastante delle pale meccaniche e luogo in cui, da circa due mesi ormai, i cittadini passano le notti, sorvegliando e presidiando con abnegazione”.

Intanto uno degli alberi d'ulivo eradicati da contrada Casebianche lo scorso 4 novembre e trasportato nel centro di Torchiarolo da un gruppo di manifestanti è stati reimpiantato stamani in piazza Castello. E' stato ribattezzatto "l'ulivo della disobbedienza". Stessa cosa è accaduta a Cellino. Anche qui, in largo Margherita, è stato reimpiantato uno degli alberi abbattuti in contrada Casebianche. 

Il sindaco di Torchiarolo Nicola Serinelli, intanto, invita i sindaci dei comuni investiti dal problema della Xylella (Guagnano, Surbo, Trepuzzi, Salice Salentino, Campi Salentina, Novoli, Squinzano, Surbo e San Pietro Vernotico) a una riunione dal titolo “Flagello Xylella – incontro istituzioni/comitato tecnico scientifico”, convocata per giovedì prossimo (12 novembre) presso la sala consiliare di Torchiarolo, in presenza anche dei cittadini, delle associazioni e degli esperti. 

“Nel corso della riunione  - si legge in una lettera di Serinelli - comunicheremo quanto l'Unione dei Comuni e i singoli enti locali hanno finora messo in campo relativamente alla delicata questione. Verrà inoltre presentato pubblicamente un Documento di ricerca intitolato: ‘Emergenza Xilella Fastidiosa: perché l’obbligo di estirpazione di tutti gli ulivi non infetti (privi di sintomi indicativi di possibile infezione e non sospetti di essere infetti) nel raggio di 100 metri da quelli infetti è una misura contestabile sul piano giuridico e scientifico’”.

“Il documento   spiega il sindaco di Torchiarolo - sintetizza, in versione semplificata per la diffusione al pubblico, i risultati di uno studio interdisciplinare coordinato dai Professori Massimo Monteduro (Associato di Diritto Amministrativo) e Luigi De Bellis (Ordinario di Fisiologia nicola serinelli-3Vegetale) e curato da un gruppo di professori, ricercatori e giovani studiosi dell'Università del Salento denominato L.A.I.R. ("Law and Agroecology Ius et Rus"), che si occupa dei rapporti tra diritto e agro/ecologia”.

Serinelli segnala inoltre “che il lavoro di ricerca oggi trasfuso nel Documento aveva ricevuto incoraggiamento e apprezzamento già nel tavolo tecnico attivato circa un mese fa presso il mio Comune”. (A destra, Nicola Serinelli)

Il primo cittafino aggiunge che “il Documento, redatto in forma indipendente, è destinato ad essere pubblicato su differenti piattaforme telematiche con modalità ‘open access’: esso verrà pubblicato, per consentirne la libera consultazione da parte di tutti i cittadini interessati, anche sul sito internet del mio Comune e di tutti gli altri Comuni che ne faranno richiesta”.

“Il documento – prosegue il primo cittadino - sorretto da una riflessione informata, svolta con i metodi di indagine propri della ricerca universitaria, consente di approfondire in maniera chiara e rigorosa molti argomenti giuridici i quali, da un lato, potranno essere recepiti nel ricorso del mio Comune contro il piano Silletti per la parte relativa alle eradicazioni di tutte le piante nel raggio dei 100 metri; dall'altro, potranno essere utili anche agli altri Comuni, al di là dei contenziosi, e alla società civile tutta, in vista di un'auspicata soluzione della delicata questione che tanta tensione ed apprensione sociale sta procurando alle nostre comunità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Xylella: la gente in strada contro le eradicazioni a Torchiarolo e Cellino

BrindisiReport è in caricamento