rotate-mobile
Economia

Secondo Agenzia delle Entrate, noi nel girone dell'Italia dei peggiori

Tra i numerosi studi economici, statistici e sociali pubblicati da testate economiche, istituti di ricerca, centri studi mancava quello dell'Agenzia delle Entrate, che ha disegnato l'Italia divisa in base alla pericolosità fiscale e a quella sociale

BRINDISI – Tra i numerosi studi economici, statistici e sociali pubblicati da testate economiche, istituti di ricerca, centri studi mancava quello dell’Agenzia delle Entrate, che ha disegnato l’Italia divisa in otto livelli in base alla pericolosità fiscale e a quella sociale, e aggiungendo come parametri aggiuntivi anche popolazione e tenore di vita. E dove poteva collocarsi Brindisi? Nel gruppo delle province peggiori, secondo il Fisco, ma assieme a Lecce, Foggia e alla Bat.  Più affidabili fiscalmente e meno pericolose socialmente le province di Bari e Taranto.

Ma quali sono queste otto Italie, come le definisce lo studio dell’Agenzia delle Entrate presentato al Parlamento? Intanto ecco i nomi affibbiati alle  varie tipologie: Rischio totale, Metropolis, Niente da dichiarare, Rischiose abitudini, Non siamo angeli, Gli Equilibristi, Industriale, Stanno tutti bene, naturalmente in ordine decrescente di rischio. Gli indici di rischio, di popolazione e di tenore di vita sono qualificati con un grado da 5 a 1.

Rischio totale: (11,2 mln di residenti - pericolosita' fiscale 5, pericolosita' sociale 5, tenore di vita 1) Agrigento, Brindisi, Caltanissetta, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Foggia, Frosinone, Lecce, Napoli, Ragusa, Reggio, Calabria, Salerno, Trapani, Vibo Valentia, Barletta-Andria-Trani.

Metropolis: (7,1 mln di residenti - pericolosita' fiscale 4, pericolosita' sociale 4 , tenore di vita 5) Roma, Milano; -

Niente da dichiarare?: (2,3 mln di residenti - pericolosita' fiscale 4, pericolosita' sociale 2 , tenore di vita 1) Avellino, Benevento, Campobasso, Enna, Isernia, Matera, Nuoro, Oristano, Potenza, Rieti, Ogliastra.

Rischiose abitudini: (4,0 mln di residenti - pericolosita' fiscale 3, pericolosita' sociale 4, tenore di vita 3) Grosseto, Imperia, La Spezia, Latina, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Rimini, Savona.

Non siamo angeli: (6,5 mln di residenti - pericolosita' fiscale 3, pericolosita' sociale 3, tenore di vita 2) Bari, Cagliari, Catania, Messina, Palermo, Sassari, Siracusa, Taranto, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Olbia-Tempio.

Gli equilibristi: (5,3 mln di residenti - pericolosita' fiscale 3, pericolosita' sociale 2, tenore di vita 3) Arezzo, Ascoli Piceno, Asti, Chieti, Ferrara, L'Aquila, Macerata, Novara, Perugia, Pesaro e Urbino, Teramo, Terni, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Viterbo, Fermo.

Industriale: (14,3 mln di residenti - pericolosita' fiscale 1, pericolosita' sociale 3, tenore di vita 4) Ancona, Bergamo, Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Padova, Torino, Treviso, Trieste, Varese, Venezia, Verona, Vicenza, Monza e della Brianza.

Stanno tutti bene: (9,0 mln di residenti - pericolosita' fiscale 1, pericolosita' sociale 1, tenore di vita 4) Aosta, Belluno, Biella, Bolzano, Como, Cremona, Cuneo, Forli'-Cesena, Gorizia, Lecco, Lodi, Mantova, Modena, Parma, Pavia, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rovigo, Siena, Sondrio, Trento, Udine.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Secondo Agenzia delle Entrate, noi nel girone dell'Italia dei peggiori

BrindisiReport è in caricamento