menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In alto un'immagine dell'incontro tenuto presso la Camera di Commercio

In alto un'immagine dell'incontro tenuto presso la Camera di Commercio

Incontro metalmeccanici: "Pochi i politici presenti, ma andremo avanti così"

Terminato l'incontro convocato dalle organizzazioni sindacali per esporre alle forze politiche del territorio le proprie preoccupazioni sul futuro del settore metalmeccanico a Brindisi e per rendere note le proposte sul rinnovo del contratto nazionale

BRINDISI - Terminato l’incontro con le forze politiche del territorio convocato dalle organizzazioni sindacali per esporre le proprie preoccupazioni sul futuro del settore metallurgico a Brindisi e per rendere note le proposte sul rinnovo del contratto nazionale.

Dopo la mattinata di proteste, che ha registrato blocchi stradali in alcuni punti della zona industriale, il faccia a faccia, tenutosi presso la sede della Camera di Commercio, ha visto sedere, dal lato della politica, uno sparuto gruppo di rappresentanti: una delegazione dal partito fittiano Conservatori e Riformisti, il consigliere comunale, riconfermato con record di preferenze, Pietro Guadalupi, l’onorevole Nicola Ciraci e il senatore Vittorio Zizza. Presente anche il senatore Salvatore Tomaselli, del Partito democratico. (foto in basso)

incontro metalmeccanici politici 1-2

Assente invece il sindaco di Brindisi, Angela Carluccio, giustificata dai politici, CoR naturalmente, presenti: impegni presi in precedenza hanno reso impossibile la presenza del primo cittadino, ma, per bocca del senatore Zizza, ha mandato un saluto ai presenti.

“Dispiace che la parte politica non abbia risposto in modo adeguato, soprattutto in relazione agli inviti - spiega a BrindisiReport.it il segretario Fim-Cisl, Michele Tamburrano che, insieme ai colleghi Nunzio Semeraro (Fim-Cisl) e Maurizio Sancesario (Fiom), ha richiesto l’incontro - ma abbiamo comunque avuto modo di parlare con i politici presenti per esporre le nostre indicazioni sul rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici”

Il negoziato sul rinnovo del contratto nazionale delle tute blu si protrae da oltre 7 mesi, periodo nel quale si sono tenuti quindici incontri di trattativa, e vede Federmeccanica ancora ferma su una proposta avanzata lo scorso 22 dicembre 2015.

incontro metalmeccanici politici 4-2

“Da parte loro (i politici presenti, ndr) c’è disponibilità - continua Tamburrano - bisogna portare queste problematiche all’attenzione del Governo centrale e continuare a tenersi in contatto. Sarebbe auspicabile organizzare un incontro prima delle ferie estive, per focalizzarci su gli elementi principali”.

Le organizzazioni sindacali (Fim-Cisl, Fiom, Uil) chiedono un contratto nazionale che garantisca il potere d’acquisto del salario per tutti i metalmeccanici. Un contratto nazinale che estenda la contrattazione di secondo livello (aziendale e territoriale) su tutti gli aspetti che compongono la prestazione lavorativa, che qualifichi le relazioni industriali su un moderno sistema partecipativo, che faccia ripartire gli investimenti e rilanci una vera politica industriale. Miglioramenti per quanto riguarda l’organizzazione del lavoro e la tutela delle condizioni di tutte le forme di lavoro, un contratto che introduca nuovi diritti di formazione, welfare, partecipazione e valorizzazione delle professionalità all’interno di un nuovo sistema di inquadramento professionale, sistema fermo, per tutti i metalmeccanici, al 1973.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento