menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jindal: risolta la vertenza sugli addetti alle pulizie. "Nessuno verrà licenziato"

Posto di lavoro salvo per i 12 addetti alle pulizie dello stabilimento brindisino di Jindal Film's (ex Exxon Mobil). La fumata bianca è arrivata al termine di un vertice svoltosi stamani in prefettura fra la multinazionale indiana, la cooperativa subentrata nell'appalto per il servizio di pulizia, l'Omnia, la ditta uscente, la Lucente, e le organizzazioni sindacali

BRINDISI – Posto di lavoro salvo per i 12 addetti alle pulizie dello stabilimento brindisino di Jindal Film’s (ex Exxon Mobil). La fumata bianca è arrivata al termine di un vertice svoltosi stamani in prefettura fra la multinazionale indiana, la cooperativa subentrata nell’appalto per il servizio di pulizia, l’Omnia, la ditta uscente, la Lucente, e le organizzazioni sindacali.

In cambio della garanzia che nessuno di essi verrà licenziato, i lavoratori hanno accettato una riduzione dell’orario di lavoro pari al 30%. A comunicare i dettagli dell’intesa è il segretario provinciale del sindacato Cobas, Roberto Aprile, in una nota stampa. Già a partire da giovedì, 8 maggio, tutti e 12 i dipendenti torneranno in fabbrica.

“Otto lavoratori – scrive Roberto Aprile - passeranno da 40 ore a 27; un lavoratore da 30 a 24; una lavoratrice da 20 a 16; una lavoratrice da 18 a 14; una lavoratrice mantiene 12 ore”. Omnia, che già garantisce il servizio di facchinaggio nello stabilimento di via Enrico Fermi, sarà inoltre libera di impiegare i lavoratori per monte orario superiore a quello per cui sono stati assunti.

Si chiude dunque in maniera positiva una “vertenza lunga e difficile – si legge nel comunicato dei Cobas – in cui non era possibile concedere la possibilità di un solo licenziamento”. Ma la scelta di Jindal di ridurre la spesa destinata alle attività di pulizia  civili e industriali, a detta dei Cobas, è Il segretario del Cobas Brindisi, Roberto Aprile“completamente sbagliata”.

“Le attività di pulizie,soprattutto dei macchinari di produzione, in uno stabilimento che produce film plastici per alimenti – scrive Roberto Aprile - secondo noi sono incomprimibili. Al primo posto delle nostre attività sindacali, già a partire dai prossimi giorni, metteremo il rispetto delle leggi sulla sicurezza e la tutela della salute dei lavoratori . Non vorremmo – conclude il segretario provinciale dei Cobas - che il taglio delle spese sulla manutenzione si trasformi in un attacco alle condizioni di lavoro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sanremo, sul palco dell'Ariston anche una ballerina brindisina

Attualità

L'associazione 72019 lancia "sanvito.online", la web app dei ristoratori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento