Domenica, 26 Settembre 2021
Economia

Alenia assumerà in Puglia e a Novara

Alenia Aeronautica ha presentato venerdì scorso 16 settembre alle organizzazioni sindacali il nuovo piano di rilancio del gruppo, che prevede tra l’altro la formazione di una azienda unica con la confluenza di Alenia Aermacchi, ed un assetto che sostanzialmente assegna al Nord l’intero settore addestratori-velivoli militari, ed al Sud il settore dei vettori civili. Sul piano occupazionale l’azienda ha annunciato l’accompagnamento alla pensione per 1200 unità e il ricorso alla cassa integrazione speciale per altri mille dipendenti, decisioni che avranno impatto solo su Campania e Veneto.

Alenia Aeronautica ha presentato venerdì scorso 16 settembre alle organizzazioni sindacali il nuovo piano di rilancio del gruppo, che prevede tra l'altro la formazione di una azienda unica con la confluenza di Alenia Aermacchi, ed un assetto che sostanzialmente assegna al Nord l'intero settore addestratori-velivoli militari, ed al Sud il settore dei vettori civili. Sul piano occupazionale l'azienda ha annunciato l'accompagnamento alla pensione per 1200 unità e il ricorso alla cassa integrazione speciale per altri mille dipendenti, decisioni che avranno impatto solo su Campania e Veneto.

Alla luce di ciò si rivelano inesatte le previsioni fatte da alcune parti sociali, politiche ed istituzionali a Brindisi quando fu chiuso lo stabilimento ex Aeronavali. In quella circostanza (non si perse un solo posto di lavoro, perché la maggior parte dei circa 70 dipendenti fu spostato a Grottaglie, ed una parte minore fu avviata al prepensionamento) si parlò di scelta penalizzante per Brindisi e di commesse spostate a Venezia, accusando la Regione Puglia, il Distretto aerospaziale pugliese e il sindaco di Brindisi di mancanza di iniziativa nei confronti di Alenia.

Oggi il piano di rilancio di Alenia Aeronautica prevede proprio la chiusura a Venezia del settore delle costruzioni aeronautiche, e il trasferimento di personale e macchine da Casoria a Pomigliano in Campania, realtà su cui si concentreranno prepensionamenti e mobilità, e dove è già cominciata una forte protesta politica e sindacale.

Alenia invece assumerà altre 500 unità nel suo nuovo stabilimento di Cameri in provincia di Novara, costruito accanto all'aeroporto militare, dove si lavorerà per il nuovo caccia multiruolo americano Jsf, e nello stabilimento di Grottaglie dove stanno aumentando progressivamente le richieste di segmenti di fusoliera in carbonio del B787 Dreamliner da parte di Boeing, nell'imminenza del primo volo civile del nuovo velivolo commerciale per la compagnia giapponese All Nippon Airways (Ana), che ne ha ordinati 55 e riceverà nei prossimi giorni il primo esemplare destinato per ora alle linee interne.

In linea di massima, il piano Alenia, su cui il confronto però è stato appena avviato, prevede al Sud la possibilità dello sviluppo con altri partner di un nuovo velivolo civile e un maggiore coinvolgimento sul programma del velivolo regionale russo SuperJet 100 e sulla produzione della linea ATR. Per il Nord il possibile sviluppo di un nuovo velivolo Uav (senza pilota). Tutto ciò con l'impiego di risorse interne da ricavare dai nuovi assetti e dalle ottimizzazioni produttive.

Vedi anche: www.aerospaziocampania.it

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alenia assumerà in Puglia e a Novara

BrindisiReport è in caricamento