Domenica, 21 Luglio 2024
Economia

"Ancora confusione per la gestione dei servizi dell'Ambito e del Consorzio Brindisi 1"

La nota della Fp Cgil: "Bandi deserti e nessun governo del sistema o programmazione organizzativa dei servizi esternalizzati"

Riceviamo e pubblichiamo una nota della Funzione pubblica (Fp) Cgil, firmata dalla segretaria provinciale Chiara Cleopazzo. La nota è indirizzata, tra gli altri, ai lavoratori dell'Ambito territoriale e del Consorzio Br/1; al sindaco di Brindisi; alla sindaca di San Vito Dei Normanni; a tutti i lavoratori dei servizi esternalizzati dell'Ambito e del Consorzio; al direttore del Consorzio.

Non sono nuove le preoccupazioni in relazione ai servizi esternalizzati del Consorzio Br/1 del Comune di Brindisi e San Vito Dei Normanni. Andati deserti infatti anche i nuovi bandi proposti, con dubbie valutazioni a verifica dei costi reali del lavoro e delle tabelle ministeriali, in relazione a platee storiche rivenienti da esperienze pluridecennali in clausola sociale come segnalato da noi sui tavoli di confronto sindacali.

Scotta il clima in relazione alla sempre più sconcertante agitazione ed incertezza in cui giacciono i lavoratori esternalizzati dei servizi di sostegno alla famiglia e del Cav che sono in proroga di appalto fino al 30 giugno con ancora nessuna determinazione per il loro futuro. Il servizio Adi attende ancora la liquidazione del tfr e gli emolumenti finali retributivi dalla vecchia cooperativa che gestiva l'appalto e altri lavoratori sono in attesa di liquidazione ed in causa presso vecchi gestori, con ultimi dubbi di aumenti contrattuali orari solo ad alcune lavoratrici ed ad altre storiche no.

Queste e tante altre le questioni poste al vaglio di determinazioni da contrattare ai tavoli di confronto intercorsi senza alcun esito dalla nostra organizzazione. Ribadiamo di ritenere gravemente irrisolta la situazione afferente alla gestione dei servizi esternalizzati primari e non, del Consorzio Br/1, che garantiscono i Lea sul nostro territorio, con nessuna visione strategica delle esigenze del territorio in una programmazione sempre estemporanea di welfare, non di prospettiva e spesso mal condivisa, che abbiamo paura spinga Brindisi ancora più indietro e non avanti come meritano le persone fragili con i loro bisogni crescenti.

Pertanto chiediamo a queste istituzioni responsabili di procedere tempestivamente ad una nuova programmazione atta a risolvere quanto segnalato e per giungere tempestivamente a determinazioni fattive nell’ interesse dell'utenza e delle lavoratrici e dei lavoratori da noi rappresentati.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ancora confusione per la gestione dei servizi dell'Ambito e del Consorzio Brindisi 1"
BrindisiReport è in caricamento