menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Due immaginio del trasferimento del bacino galleggiante GO59 (le foto sono di proprietà della Marina Militare)

Due immaginio del trasferimento del bacino galleggiante GO59 (le foto sono di proprietà della Marina Militare)

Arrivato alla Stazione Navale il nuovo bacino galleggiante

Nel pomeriggio di ieri è arrivato alla Stazione Navale di Brindisi (ex Arsenale) il bacino galleggiante “GO59”, scortato dal pattugliatore di squadra Aviere e rimorchiato da Nave Saturno e Nave Ciclope, al termine della navigazione di circa 72 ore effettuata dalla Base Navale di Augusta

BRINDISI - Nel pomeriggio di ieri è arrivato alla Stazione Navale di Brindisi  (ex Arsenale) il bacino galleggiante “GO59”, scortato dal pattugliatore di squadra Aviere e rimorchiato da Nave Saturno e Nave Ciclope, al termine della navigazione di circa 72 ore effettuata dalla Base Navale di Augusta. "Il trasferimento del GO59, che si inquadra nel processo di razionalizzazione delle risorse della Marina Militare, rappresenta l’esempio della costante attenzione che la Marina Militare pone nei confronti della città di Brindisi", sottolinea in un comunicato il Comando Marittimo Sud.

Trasferimento Bacino GO59-2-2Come già detto, il bacino galleggiante GO59 sarà ormeggiato nel Seno di Ponente, dove ha sede Maribase Brindisi, e sostituirà il bacino già presente. Sarà possibile effettuare manutenzioni sia di unità navali militari che civili, con un dislocamento massimo di 1000 tonnellate, secondo la linea del dual purpose decisa dalla Marina Militare per le proprie strutture tecniche. Sul versante dell'Adriatico Meridionale, perciò, Brindisi disporrà così di una occasione di business legata alla presenza del bacino galleggiante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento