rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Economia

Edison, associazioni: "Autorizzazione giunta regionale atto politico strumentale"

Comunicato delle associazioni ambientaliste sull'autorizzazione paesaggistica per "aree di cantiere addizionali al deposito costiero Gnl di Brindisi”

Riceviamo e pubblichiamo un intervento delle associazioni sull’autorizzazione paesaggistiza concessa dalla Regione Puglia per "aree di cantiere addizionali al deposito costiero Gnl di Brindisi”.

Recentemente il presidente dell'autorità di sistema portuale del basso Adriatico ha dichiarato che il Pptr non consente la realizzazione di impianti fotovoltaici nei porti pugliesi.  Se ciò fosse vero, sarebbe ancora più stridente la concessione della deroga da parte della giunta regionale per la realizzazione delle opere previste per il deposito costiero di Gnl. 

La deroga, infatti, non è un atto tecnico ma una scelta dettata da una precisa volontà politica.  Tale scelta, politica, risulta in piena contraddizione con quanto dichiarò Emiliano a proposito dell'intenzione di ridiscutere l'accordo di programma con il governo sull'impianto.  Questo atto politico è anche in contraddizione con il rigore o la rigidità che la giunta regionale manifesta quando affronta le questioni riguardanti impianti da fonti rinnovabili; dopo che, è bene ricordarlo, venne trovata all’unanimità, nel Consiglio comunale, l’intesa per chiedere al Governo il riesame del progetto e la Valutazione di Impatto Ambientale è stato assordante il silenzio della Regione Puglia. 

Il presidente Emiliano ha recepito in pieno il parere del comitato tecnico regionale, anche nella parte in cui pilatescamente si rimanda ad altri il giudizio sulla compatibilità del deposito costiero con la rete ferroviaria. Sull'argomento è oggi pendente il giudizio di merito da parte del Tar Lazio nel contenzioso promosso dall’Autorità di Sistema Portuale Mam nei confronti del Consorzio Asi, reo, per l’autorità di sistema portuale, di aver prescritto il rispetto di norme e leggi vigenti, bellamente ignorate e per le quali nessuno si assume una responsabilità. Le violazioni di legge in materia di distanze di sicurezza sono evidenti, tanto più perché una condotta di Gnl passerebbe sotto i binari. 

Come fa la regione Puglia a concedere la deroga e come fa la Soprintendenza a non esprimere rilievi sulla compatibilità paesaggistica delle opere previste nel deposito costiero, che pure sono pesanti?  La delibera della giunta regionale è, quindi, un atto politicamente tanto grave e irrispettoso di una città quanto strumentale.  Leonardo Sciascia diceva di essersi reso conto, nella sua esperienza di consigliere comunale e parlamentare, che «il potere non era nelle aule consiliari ma sempre altrove». 

In tante occasioni della storia recente di Brindisi, le scelte politiche sono state condizionate, o guidate, al di fuori dei consessi democratici. Ci auguriamo che, a livello politico ed istituzionale, a Brindisi ed a livello regionale, i rappresentanti politici ed istituzionali sappiano rispondere alla propria coscienza e agli interessi comuni, impedendo che atti amministrativi, giuridicamente ed eticamente immotivati, possano consentire la realizzazione del deposito costiero ed impedire la polifunzionalità e lo sviluppo sostenibile del porto. 

Italia Nostra Brindisi, Legambiente Brindisi, WWF Brindisi, Fondazione “Tonino di Giulio”, Anpi Brindisi, Forum Ambiente Salute e Sviluppo, No al Carbone, Puliamoilmare Brindisi, Associazione “Vogatori Remuri Brindisi”
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edison, associazioni: "Autorizzazione giunta regionale atto politico strumentale"

BrindisiReport è in caricamento