menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Autorizzazioni in ritardo a Brindisi per la riconversione a gas della centrale a carbone"

L'interrogazione ai ministri di Valentina Palmisano, deputata Cinque Stelle: "Occorre tutelare tutti i livelli occupazionali del polo energetico"

BRINDISI - "Occorre tutelare i lavoratori del polo energetico di Brindisi. Serve chiarezza sul ritardo nelle autorizzazioni richieste da Enel per i nuovi impianti, al momento senza risposta". La deputata Valentina Palmisano (Movimento Cinque Stelle) ha presentato un'interrogazione parlamentare al ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ed al ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando, in merito ad alcune vertenze che riguardano il territorio brindisino.

Un'istanza che trae origine da un recente confronto avvenuto nei giorni scorsi tra parti sociali, imprese, coordinato dalla Prefettura di Brindisi. Il 21 marzo 2021, su richiesta dei rappresentanti delle segreterie territoriali di Ficltem-Cgil, Flaei Cisl-Uiltec Uil di Brindisi, si è svolto un incontro con il prefetto di Brindisi, Carolina Bellantoni e rappresentanti di Enel e Confindustria, per discutere sui gravi ritardi relativi alle procedure autorizzative dei nuovi impianti a gas previsti a Brindisi, necessari ad una transizione energetica e al passaggio verso la totale decarbonizzazione.

"Con l'approvazione definitiva, nel 2019, del Piano nazionale energia e clima è stato confermato che il sistema elettrico italiano necessita di una capacità installata di generazione termoelettrica da impianti a gas non inferiore a 50 Gigawatt per soddisfare i criteri di adeguatezza a livello nazionale. Nei suoi piani industriali -riferisce Valentina Palmisano - Enel ha previsto investimenti per nuovi impianti a gas, da costruirsi nei siti in cui si trovano le attuali centrali a carbone, che dovranno essere dismesse. In particolare su Brindisi Enel ha avviato il processo autorizzativo per  un progetto che prevede la sostituzione delle quattro unità a carbone esistenti".

Si tratta di soluzioni che, secondo la delegazione sindacale guidata dai segretari Antonio Frattini (Filtem Cgil), Marco Bernardo (Flaei Cisl) e Carlo Perrucci (Uiltec Uil), sono essenziali per lo sviluppo di una corretta transizione energetica nazionale e per la garanzia di assicurare un minimo battente occupazionale, ma al contempo risultano insufficienti a garantire un'adeguata presenza industriale del gruppo Enel nel polo di Brindisi e, di conseguenza, una continuità lavorativa, che va ricercata con ulteriori nuovi investimenti.

"Nel piano nazionale integrato energia e clima il nodo elettrico di Brindisi è esplicitamente citato per la sua strategicità nella rete di trasmissione zonale, nazionale e internazionale, attraverso l'elettrodotto sottomarino di Galatina che collega l'Italia alla Grecia. Ora i ritardi nel rilascio delle autorizzazioni rischiano di compromettere la partecipazione alle prossime aste che Terna lancerà per nuovi impianti a gas e l'attuazione del progetto della realizzazione dei nuovi impianti a gas, con il rischio dell'abbandono del polo di Brindisi da parte di Enel. Ed è per questo - conclude la parlamentare pugliese - che ho chiesto al Governo la necessità di chiarimenti circa i ritardi nelle autorizzazioni previste per la realizzazione dei nuovi impianti a gas da costruire a Brindisi e le azioni di sua competenza che intende porre in essere anche al fine di garantire una continuità lavorativa per i circa 800 lavoratori, dipendenti Enel e dell'appalto, coinvolti nel passaggio verso la decarbonizzazione del sito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: situazione stazionaria, ricoveri in lieve aumento

  • settimana

    Covid: Puglia impantanata, evoluzioni positive paiono lontane

  • Sport

    Happy Casa Brindisi: missione garanzia primato contro Cremona 

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento