menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Benessere legale, la campagna di Confartigianato contro l'abusivismo

Parrucchieri ed estetisti oltre alle chiusure dettate dalle restrizioni anti-Covid devono fare i conti con il fenomeno

BRINDISI - Inizia oggi, martedì 13 aprile 2021, la campagna di comunicazione alla cittadinanza promossa dagli acconciatori e dalle estetiste di Confartigianato Brindisi. A sostenerla il Comune di Brindisi. L’augurio di Confartigianato è che "il messaggio arrivi a ogni cittadino, con la collaborazione e la partecipazione di tutti si potrà sconfiggere anche il male dell’abusivismo, da qui l’ #benesserelegale".

Spiegano da Confartigianato Brindisi: "Numerose sono le segnalazioni che ci giungono di soggetti che svolgono le attività presso le abitazioni dei clienti, presso improvvisati locali dislocati in tutta la città, qualche abusivo pubblicizza sfacciatamente, anche sui social, sia prestazioni che prezzi. Tutte le autorità competenti, in primis le polizie municipali, ci risulta che siano già da tempo impegnate a effettuare i controlli sia per contrastare la diffusione del contagio da coronavirus che la diffusione dell’evasione fiscale, fenomeni gravissimi che interessano ogni settore".

Per Confartigianato è "incomprensibile che tale forma di abusivismo nel settore del benessere non accenni a diminuire nonostante le sanzioni pecuniarie inflitte dalle autorità competenti agli abusivi, sanzioni che possono raggiungere i 5mila euro così come previsto dalla legge che regolamenta le attività professionali dell’acconciatura e dell’estetica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento