rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Economia

Buoni spesa, verso l'allargamento della platea dei beneficiari

L'assessore Isabella Lettori: "Aspettiamo il 5 dicembre, data della scadenza dell'avviso pubblico, per fare le valutazioni opportune. Se avanzeranno risorse, pronti ad aiutare ancora i brindisini"

BRINDISI - E' da ieri, 23 novembre, che il telefono le squilla in continuazione: messaggi e chiamate per dubbi e chiarimenti. L'assessore brindisino Isabella Lettori, con delega al Welfare e Inclusione, risponde. "Cerco di essere vicina ai cittadini", spiega. E annuncia: "Qualora le risorse avanzassero, siamo pronti ad allargare la platea dei beneficiari dei buoni spesa in questo 2021". Un passo indietro: ieri viene pubblicato sul sito del Comune di Brindisi l'avviso pubblico rivolto alle famiglie della città per l'erogazione dei buoni spesa. Sono stati stanziati poco più di 900mila euro per sostenere le famiglie colpite ulteriormente, in questo difficile momento, dalle conseguenze economiche provocate dalla pandemia. 

Potranno fare richiesta le famiglie con un reddito netto nel mese di settembre 2021 non superiore ai 750 euro.  Le istanze dovranno pervenire all'ente solo ed esclusivamente tramite la piattaforma telematica messa a disposizione dal Comune di Brindisi, a partire dalle 8 del giorno 26 novembre ed entro la mezzanotte del giorno 5 dicembre 2021 (clicca sul link). Per non ripetere l'esperienza dello scorso anno, al Comune hanno preferito procedere con cautela. Ma, qualora ce ne fosse la possibilità, sarebbero pronti ad allargare la platea degli aventi diritto con l'eventuale disavanzo. Lo si capirà dopo il 5 dicembre, ma l'ipotesi è di far rientrare anche coloro che hanno un reddito da mille euro al mese.

Quota mille, in base alle previsioni di Palazzo di Città, potrebbe non essere un miraggio. "Ma è meglio andarci cauti - spiega l'assessore Lettori - Per non creare false aspettative. L'anno scorso avevamo pensato a due fasce di reddito, ma purtroppo non siamo riusciti a soddisfare tutta la platea. Quest'anno è diverso. Siamo pronti a erogare i fondi anche a una seconda fascia, ma avremo la certezza solo dopo il 5 dicembre. Questo è un aiuto del Comune rivolto a chi è in difficoltà. Non risolve tutti i problemi, certo, ma sicuramente è un aiuto, in vista delle prossime festività. Questa è una piccola goccia nell'oceano, ma l'oceano è composto proprio da tante gocce".

Il contributo viene modulato in funzione della numerosità del nucleo familiare nel seguente modo:

? nucleo familiare composto da n. 1 persona (compreso il dichiarante) €.150,00;
? nucleo familiare composto da n. 2 persone (compreso il dichiarante)€.250,00;
?nucleo familiare composto da n. 3 o n. 4 persone (compreso il dichiarante) €.400,00;
? nucleo familiare composto da 5 persone o più (compreso il dichiarante) €.500,00.

L'avviso pubblico integrale

L’accredito dei buoni spesa avverrà direttamente sulla tessera sanitaria seguendo l'ordine cronologico di arrivo delle domande. I buoni così erogati potranno essere spesi presso gli esercizi pubblici che avranno manifestato l'interesse ed il cui elenco sarà visibile sia nella app “SiVoucher” che sul sito del Comune di Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buoni spesa, verso l'allargamento della platea dei beneficiari

BrindisiReport è in caricamento