rotate-mobile
Economia

"Brindisi Multiservizi, secondo noi non c'è un serio piano industriale"

L'insoddisfazione del sindacato Cobas dopo l'incontro con il sindaco, Riccardo Rossi, avvenuto il 19 settembre. Ma arriva la promessa del saldo degli stipendi

BRINDISI - Il sindacato Cobas ha incontrato oggi,19 settembre 2022, alle ore 12,30 il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, per fare il punto sui problemi della Brindisi Multiservizi, in particolare sul pagamento degli stipendi e su un'eventuale crescita positiva della società. Si legge in una nota diramata dal Cobas: "Il tutto è stato preceduto da una lunga schermaglia con l'Amministrazione, che non voleva far salire i lavoratori alla riunione così come concordato una settimana prima. Solo grazie all'intervento dell'assessore Mauro Masiello si è risolta positivamente la questione".

Infatti, c'è stata la partecipazione all'incontro di una delegazione di lavoratori e, successivamente, l'incontro del sindaco con tutti i lavoratori presenti giù in piazza Matteotti. Il Cobas alla fine della riunione ha dichiarato "una insoddisfazione sui risultati ottenuti, perché non si metteva un punto fermo ai pagamenti degli stipendi e dei cambiamenti strutturali della azienda Bms. L'unico impegno vero che abbiamo sentito è che nei prossimi giorni ci sarà il saldo dello stipendio del mese scorso, arrivato per tutte le proteste di questi giorni".

Comune e Bms hanno parlato di applicare uno strumento legislativo come il contratto di espansione. Dal Cobas spiegano che "vuol dire mandare a casa gli anziani e prendere giovani, in questo caso stabilizzare i precari. Abbiamo mosso le nostre critiche sulla fattibilità di tutto ciò; il contratto di espansione prevede un serio piano industriale con stabilità economica che a tutt'oggi non esiste".

Il sindaco ha spiegato che "non ci sono soldi in cassa nel comune di Brindisi, mentre l'amministratore di Bms ha parlato di recupero degli aumenti del nuovo contratto nazionale di lavoro e maggiori spese per benzina, energia, ed altro ancora. Ci sono affidamenti i cui costi addirittura non sono mai stati aggiornati da tanti anni", si legge sempre nella nota del Cobas.

Per il sindacato "il sindaco nell'assemblea con i lavoratori ha cambiato il tiro della esposizione dei problemi rassicurando un po' tutti. Il Cobas non è convinto, ma aspetta che le parole del sindaco diventino fatti, altrimenti la mobilitazione dei lavoratori e lavoratrici (la maggior parte a malapena raggiunge le mille euro di stipendio) sarà ancora più forte e determinato" è la promessa del Cobas.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Brindisi Multiservizi, secondo noi non c'è un serio piano industriale"

BrindisiReport è in caricamento